For Honor di Ubisoft: versione di prova limitata e debutto

30 gennaio 2017 ore 18:33, Luca Lippi
A distanza di due settimane dal debutto nei negozi specializzati, quella di #For Honor (su PS4) messa a disposizione da #Ubisoft risulta essere una versione di prova molto limitata. Si comincia subito con un breve #tutorial, utile ad affinare il proprio feeling con i comandi di gioco, tanto semplici quanto assolutamente gratificanti sotto il profilo della gestione dei combattimenti: con la levetta analogica destra si potrà infatti gestire arma e scudo, direzionabili ai lati ed in alto per parare i fendenti nemici e ferire gli avversari, tramite la pressione di R1 ed R2 (rispettivamente attacco leggero e attacco pesante). 
Utile a cavarsi d’impaccio è la schivata, richiamabile attraverso il tasto X, mentre al quadrato e assegnata la spallata, che permetterà sia di “rompere” le guardie nemiche per assestare qualche utile colpo, sia di sbilanciare l’avversario con una doppia pressione, per scaraventarlo magari in un baratro, il tutto tenendo sempre sott’occhio la barra della stamina, che decreterà l’efficacia dei colpi e la velocità dei movimenti sia in attacco che in difesa.
Di seguito, soltanto alcune delle feature che troveranno posto all’interno di For Honor, in uscita il prossimo 14 Febbraio su PS4, Xbox One e PC.
La mappa di gioco, all’inizio di ogni nuovo “anno”, sarà divisa equamente in tre porzioni, assegnate rispettivamente ai Cavalieri, ai Vichingi e ai Samurai. Ogni fazione consentirà di scegliere tra tre diversi tipi di combattenti, le cui caratteristiche varieranno, andando dall’agile al pesante, passando per l’equilibrato, ed ognuno garantirà diversi bonus e malus in termini di gameplay. 
Per fare un esempio, il combattente meglio attrezzato sotto il profilo offensivo risulterà più lento nei movimenti, mentre quello più agile sarà sì letale grazie a scatti felini improvvisi, ma altrettanto esposto alle offensive avversarie. Ognuno potrà dunque selezionare il personaggio che più ritiene adeguato al proprio stile di gioco, con lo scopo ultimo di non finire al tappeto in una pozza di sangue nei 5 round che compongono ogni singolo scontro.

For Honor di Ubisoft: versione di prova limitata e debutto

Una volta scelto il lato della barricata dietro cui stare, sarà il momento di scendere in campo e conquistare punti per la propria squadra: varie saranno le tipologie di scontri presenti, ognuno su un diverso fronte della mappa di gioco, e permetteranno di confrontarsi sia con nemici gestiti da altri giocatori umani, sia contro avversari nelle mani dell’intelligenza artificiale. 
Il Duello 1vs1 sarà sicuramente il combattimento più gratificante dal punto di vista strategico, dal momento che ogni giocatore potrà fare affidamento soltanto sulle proprie forze, e quindi non dovrà preoccuparsi delle improvvise sortite di un nemico “senza onore” che sbuca alle spalle del proprio alter ego digitale. 
Ben più tattica sarà la Mischia 2vs2, dove una perfetta sintonia col proprio compagno di squadra sarà essenziale per uscire vincitori dagli scontri: la sconfitta di uno dei due sancisce quasi del tutto la perdita del round, vista la difficoltà estrema, sotto il profilo della resistenza, di tenere a bada (e al contempo attaccare) due nemici accaniti. Simile al precedente, ma ben più caotico (e dalla mappa più ampia) è il Dominio 4vs4, le cui modalità saranno pressochè speculari a quanto detto in precedenza.
Ogni battaglia di For Honor garantirà, in caso sia di vittoria che di sconfitta, una determinata quota di punti esperienza, che consterà di una parte fissa e di una che varierà a seconda del proprio comportamento sul campo di battaglia. 
Importanti saranno gli oggetti recuperati dal terreno alla fine degli scontri, fondamentali per potenziare i parametri del proprio guerriero, e che andranno ad inserirsi in parti specifiche del suo armamentario, dai corpetti utili a ridurre i danni fisici subiti alle impugnature che migliorano il rendimento delle armi: aggiornamenti che, oltre sotto il profilo delle prestazioni, avranno un loro feedback anche dal punto di vista visivo, con variazioni sostanziali sul corpo del combattente.

autore / Luca Lippi
Luca Lippi
caricamento in corso...
caricamento in corso...