Che sta facendo Alessandro Greco?

18 maggio 2017 ore 10:17, intelligo
Si dice che in termini televisivi, l’unica cosa che conti siano i risultati dell’auditel. Del resto, ogni rete televisiva – anche quelle statali come i vari canali della RAI che pure si avvalgono del canone imposto – contano sugli introiti pubblicitari e si sa che chi fa pubblicità paga in base agli ascolti.  Un passaggio televisivo in prima serata, all’interno di una trasmissione o di un evento che vanta molti milioni di telespettatori, costa tanto denaro; molto meno si paga per passaggi pubblicitari in orari impossibili, all’interno di trasmissioni che non vantano un gran numero di telespettatori
Così, la rete che si dovesse trovare in casa un giovane artista che all’improvviso “esplode” e diventa personaggio di successo, e magari riesce anche a trainare una modesta trasmissione che contro le previsioni diventa un cult, è come quella squadra di calcio che nel proprio vivaio dovesse scoprire dall’oggi al domani un campione, un ragazzino venuto su dal niente che vale un sacco di soldi e che magari fa vincere una coppa. Si tratta di veri e proprio colpi di fortuna, e nella stragrande maggioranza dei casi, vengono messi a regime, cioè si tenta di farli fruttare più che si può. Ecco perché, alla luce di quanto abbiamo scritto, il caso di Alessandro Greco è ai limiti dell’incomprensibile; praticamente un X-file.
Alessandro Greco nasce a Taranto nel marzo del 1972 e, da che ricorda lui stesso, ha avuto sempre un solo pallino: diventare un uomo di spettacolo, più precisamente un intrattenitore, un presentatore, uno show man come i miti della
Che sta facendo Alessandro Greco?
sua infanzia, i “magnifici tre”: Mike Bongiorno, Pippo Baudo e Corrado Mantoni.  Comincia come imitatore e si propone a radio e TV private, ma non disdegna nemmeno locali e feste di piazza. Va bene tutto, pur di fare gavetta, guadagnare professionalità e farsi conoscere. Ci riesce grazie alla sua caparbietà nel 1992 quando partecipa a uno dei primi talent della televisione italiana, Stasera mi butto, su RAI2. Alessandro non vince, ma lascia un’ottima impressione. Così nel 1995 e nel 1996 viene chiamato a far parte del cast di Unomattina estate, e poi a condurre la seconda edizione del Seven Show, in onda su La7. Ed ecco che, finalmente, arriva per lui la trasmissione giusta. Si tratta di Furore, in onda su Rai2. La prima edizione risale a 1997. Furore è un programma leggero, d’intrattenimento, basato sul format francese La Fureur, molto piacevole che, dopo il suo esordio, proseguirà fino al 2003.  Si tratta di far scontrare tra loro due squadre di vip (ma nella prima edizione i concorrenti erano 6), in una sfida fatta di musica, canzoni e karaoke al termine della quale una delle due squadre viene decretata vincitrice in base ai punti conquistati nei vari giochi, ed assegnati dall'insindacabile giudizio del conduttore-arbitro della sfida. 
Nella sua prima edizione, il programma ha un successo travolgente soprattutto grazie ad Alessandro Greco, che si dimostra davvero un ottimo conduttore, dotato di simpatia, intelligenza, grande dialettica, empatia, tempi scenici da consumato intrattenitore,  tanto che nella stagione 1998 e nel 1999 vengono anche realizzati degli speciali di inizio e fine stagione chiamati SuperFurore, in onda direttamente dai palazzotti dello sport di Napoli e del Sestriere. E’ fuori di dubbio che sia nato un campioncino nuovo tra i mostri sacri della TV e nessuno si sogna di metterlo in dubbio. Nella sua quinta stagione del programma, però, viene registrato un calo di ascolti tanto che l’anno seguente, nel 2003, viene immediatamente cambiata la conduzione e al posto di Greco va Alessandro Bossari. Ma non ci sarà nessun miglioramento, indice quindi che le responsabilità non erano del conduttore ma probabilmente da un programma che cominciava a stancare, giunto al suo naturale epilogo. Morale, Furore viene interrotto. Intanto, oltre a Furore, Greco conduce nel 1999 Portami al mare fammi sognare, con Laura Freddi. Nel 2000 è la volta di Una Canzone per te insieme a Federica Panicucci, entrambi su Rai 2. Nel 2005 partecipa come concorrente al reality show La talpa su Italia 1, assieme a quella che inseguito diventerà sua moglie, Beatrice Bocci, showgirl e conduttrice televisiva, che sposerà civilmente il 29 settembre 2008 e in chiesa il 6 aprile 2014, e che gli darà due figli, Alessandro e Lorenzo. 
Per tornare alla carriera di Alessandro, è a questo punto che, di colpo, Greco sparisce letteralmente dalla TV. In effetti è da quando è stato sostituito alla guida di Furore che la sua immagine viene quasi cancellata dai palinsesti. Lui stesso, ancora oggi, a distanza di anni, non sa spiegarne il perché. Racconta: “Quello che è successo a me nel 1997 oggi sarebbe inattuabile. Un 25enne, sconosciuto al grande pubblico, in prima serata su una rete Rai. Poi, però, a distanza di 5 anni e dopo aver ottenuto tanto successo, come era cominciato, tutto finì. Ci rimasi molto male. Mi aspettavo un ritorno per quello che avevo portato in termini di ascolti e introiti fino ad allora, e invece…  Vista la giovane età, si diceva: ‘Greco è l’investimento della Rai per il futuro’. Invece i nuovi dirigenti decisero di non tenermi in considerazione”. Gli preferirono altri, magari meno bravi, ma chissà, forse più “raccomandati”.
Da quel momento in poi, per fortuna, è arrivata la radio e la carriera di Alessandro Greco è proseguita grazie a una trasmissione per gli sfoghi degli ascoltatori, in onda su RTL 102.5, il sabato mattina. Da gennaio 2009, invece, sempre sulla stessa emittente, prima con Ana Laura Ribas, poi da solo, è il conduttore di No problem - Viva l'Italia, in onda il venerdì, il sabato e la domenica dalle 11 alle 13, programma in cui è a contatto con i radioascoltatori che vogliono fare pubblicità alle proprie attività o cercano l'anima gemella.  In seguito, a parte modeste apparizioni, Alessandro non è più riuscito a farsi notare dal grande pubblico e a bissare il grande successo ottenuto con Furore. 
E’ dovuto arrivare il 2014 perché si tornasse a parlare di lui, quando è entrato a far parte del cast della quarta edizione di Tale e Quale Show. Ai giorni nostri, da giugno 2015, Alessandro conduce Unomattina Estate, Effetto Estate con Benedetta Rinaldi e Rita Forte. A ottobre 2015 partecipa alle finali di Tale e Quale Show, arrivando settimo su 11 concorrenti. Il 31 marzo 2017 Alessandro ritorna, dopo 16 anni, a condurre nuovamente Furore, programma ripescato dalla nuova dirigenza RAI, assistito da Gigi e Ross. Gli auguriamo che questa volta sia quella giusta e non un’altra avventura con poco futuro. In bocca al lupo.

Hanno due figli, Alessandra e Lorenzo, si sono sposati civilmente il 29 settembre 2008 e in Chiesa il 6 aprile 2014.

#alessandrogreco #chefinehafatto #furore

di Anna Paratore 
autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...