Paura Al Bano: ricovero lampo a Bari, forse ischemia transitoria

20 marzo 2017 ore 9:25, Andrea De Angelis
Si tratta di uno dei cantanti italiani più famosi al mondo. La sua voce è oggettivamente impressionante, una potenza sonora che gli ha permesso di arrivare al successo pur partendo "con una valigia di cartone", come racconta lui stesso. Ovviamente dall'amatissima Puglia. Terra che, pur avendo girato il mondo, porta sempre nel cuore e dove torna non appena possibile. Stiamo parlando, come molti di voi già avranno capito, di Al Bano Carrisi, tra i partecipanti all'ultimo Festival di Sanremo. "Nonostante - ha detto qualcuno già a febbraio - le sue condizioni di salute non al top". Così la notizia giunta ieri ha lasciato tutti con il fiato sospeso. Un nuovo malore, ma il giovane, vecchio Al Bano ce l'ha fatta anche questa volta. Proprio come cento giorni prima. 

Paura Al Bano: ricovero lampo a Bari, forse ischemia transitoria
NUOVO MALORE
Il cantante pugliese ha avuto un malore la sera di domenica 19 marzo di ritorno da Porto Sant’Elpidio, in provincia di Fermo, nelle Marche. Carrisi era in compagnia di un  collaboratore e stava rientrando a Cellino San Marco, ma si è fatto accompagnare al Policlinico di Bari dove è stato sottoposto ad accertamenti. Dimesso poco dopo, secondo Repubblica si potrebbe essere trattato di un'ischemia transitoria. Il cantante sta dunque bene ed ha potuto fare ritorno in casa, pur mantenendo alta l'attenzione visto quanto successo tre mesi prima. 

L'INFARTO PRIMA DI NATALE
In un'intervista dello scorso dicembre all'Ansa, Al Bano ha commentato l'infarto che lo ha colpito: "La grande paura è passata: ora bisogna stabilizzare bene questo cuore che sta ballando e poi andremo avanti con lo slancio di sempre". Così l'artista: "Stavo facendo le prove per il concerto di Natale, quando ho avvertito un dolore al petto: pensavo che fosse un problema reumatico. Dopo un po' è passato, per tornare poi ancora più forte di prima. Allora siamo andati in taxi al pronto soccorso del Santo Spirito, dove mi hanno diagnosticato un infarto in atto. Si è deciso di operare: dopo tre ore di intervento, a mezzanotte e mezza, ero fuori della sala operatoria". "Anche stavolta lo Spirito Santo mi ha protetto. Pensate se fosse successo una settimana fa, quando ho cantato a Erevan, in Armenia. Oggi non sarei qui a raccontarla", ha concluso.

#albano #gossip #malore
caricamento in corso...
caricamento in corso...