Che fine ha fatto Hugh Laurie, il cattivissimo Dott. House?

03 gennaio 2017 ore 11:00, intelligo
di Anna Paratore. 

Il suo nome a molti potrebbe dire poco, perché almeno in Italia è universalmente conosciuto come il Dottor House, dalla famosa serie di telefilm Dottor House – Medical Division che negli anni scorsi in Italia e nel mondo ha raggiunto punte di gradimento inimmaginabili.  Eppure lui ha un passato da attore, musicista, cantante, doppiatore, comico, regista e scrittore britannico di tutto rispetto, e il fatto che in moltissimi lo considerino solo per l’interpretazione di Gregory House è un po’ ingeneroso.
 
Che fine ha fatto Hugh Laurie, il cattivissimo Dott. House?
Lui è Hugh Laurie, classe 1959, segno zodiacale Cancro, e arriva direttamente da Oxford dove è nato in seno a una famiglia molto ricca, minore di quattro figli. Suo padre, Ran Laurie, un medico molto conosciuto, era stato anche un famoso atleta britannico, vincendo la medaglia d’oro di canottaggio alle Olimpiadi di Londra del 1948. Sua madre, donna di gran classe e dedita alla famiglia,  Patricia Laidlaw, è morta abbastanza giovane nel 1988 in seguito a una sclerosi laterale amiotrofica. Quella di Laurie oltre a vantare un bel patrimonio, è anche una famiglia molto credente di confessione presbiteriana, e il ragazzino frequenta fin da piccolo le migliori scuole,  dalla Dragon School all’Eton College, dove di solito studia tutta la nobiltà, per arrivare poi al Selwyn College di Cambridge, nella facoltà di antropologia e archeologia dove si guadagna anche un Third-Class Honours degree. Non solo. Sulle orme paterne, Hugh è anche un campioncino di canottaggio,  tanto che nel 1977 vince le Nazionali Britanniche nella categoria juniores, arrivando a rappresentare il Britain Youth Teram al Campionato Mondiale Giovanile dello stesso anno. Poi, nel 1980 col suo partner di canottaggio, J.S. Palmer, gareggia con il team degli Eton Vikings per i Silver Goblets. Successivamente vince un Blue durante la gara di canottaggio fra Cambridge e Oxford del 1980. E probabilmente raccoglierebbe una messe ben più feconda in questo sport se una mononucleosi non gli impedisse di continuare bloccando i suoi giorni da atleta. Di quegli anni di sport gli rimane comunque l’iscrizione al Leander Club, uno dei club di canottaggio più antichi e prestigiosi al mondo, che può sembrare poco a noi, ma non lo è per un inglese purosangue.

Chissà, forse proprio perché obbligato ad abbandonare quello sport che ama, Hugh cerca intorno a se qualche altra attività in cui impegnarsi. Decide che il teatro fa per lui e si unisce alla compagnia dei Footlights di Cambridge dove conosce Emma Tompson con cui ha una breve ma frizzante storia d’amore. Lei gli fa conoscere Stephen Frey, un suo amico, che da quel momento diventerà anche il miglior amico di Hugh Laurie nonché coautore e coprotagonista in molti lavori comici che i due metteranno in scena. Nel 1980-81, durante il suo ultimo anno all'università, Laurie viene eletto presidente dei Footlights, con Emma Thompson come vice; il loro spettacolo di fine corso, The Cellar Tapes, vince il Perrier Award all'Edinburgh Fringe Festival.

Con un simile trascorso, è evidente che la prestigiosa laurea conseguita non servirà nel futuro di Hugh. Per lui ormai è il teatro l’occupazione principale. Nel 1989 si sposa anche con l'architetto e amministratrice teatrale Joanna Green che gli dà tre figli: Charles (1988), Bill (1991) e Rebecca (1993). In quegli anni, Hugh comincia a lavorare anche per la TV mentre porta avanti il sodalizio con Stephen Frey, e grazie alla serie televisiva Jeeves e Woooster, adattamento delle storie di P. G. Wodehouse, Hugh riesce a mettere in luce le sue doti di pianista e di cantante, assolutamente da non sottovalutare. Seguono anche alcune pellicole cinematografiche, Gli amici di Peter (1992), Ragione e sentimento (Sense and Sensibility) (1995), La maschera di ferro (1998), Maybe Baby (2000) e nella serie degli Stuart Little.  Nel 1996 Hugh esordisce anche come romanziere, pubblicando il thriller comico The Gun Seller, uscito anche in Italia con il titolo Il venditore di armi, pubblicato da Marsilio Editori e nel 1998 partecipa a un episodio della sitcom Friends come il gentiluomo dell'aeroplano che ne Il matrimonio di Ross (2) tratta con cinismo e incomprensione la vicina di posto sull'aereo, la povera Rachel.

Dopo aver interpretato nel 2004 la pellicola cinematografica Il volo della fenice, ecco arrivare l’occasione della vita, quella che farà di Hugh Laurie un attore noto in tutto il mondo, la parte di Gregory House nella serie Dottor House – Medical Division. Si tratta di una serie ambientata in un ospedale, ma diversa da tutte le altre di questo tipo. Si incentra proprio su House, personaggio irascibile, scostante, scorbutico a volte fino a risultare sgradevole, in realtà il medico in questione è capace di diagnosi dove tutti gli altri si impantanano e non capiscono per lasciar poi trasparire, sotto “la ruvida buccia”, un cuore ben più tenero di quanto non si immaginerebbe.

La parte di Gregory House frutta a Hugh Laurie la vittoria del Golden Globe come miglior attore per serie televisive drammatiche per i due anni consecutivi (2006 e 2007), la TCA Award e una nomination agli Emmy Awards. Viene anche insignito nel maggio 2007 dalla regina Elisabetta II della decorazione Most Excellent Order of the British Empire. Eppure, dalla fine della serie, Laurie è praticamente sparito dal piccolo e dal grande schermo. L’ipotesi per questa specie di ostracismo dopo il successo di Dottor House, ha provato a spiegarla lui stesso: “Non mi offrono più copioni perché qualcuno ha fatto girare l’idea che con Dottor House io mi sia venduto, e questo semplicemente perché, essendo la serie ambientata negli States, facevo parlare il mio personaggio con una lieve inflessione americana…”  Noi non sappiamo quanto tutto ciò sia vero, ma dispiace un po’ non rivedere Hugh Laurie in qualche nuovo lavoro, considerato che è un ottimo interprete e anche una persona simpatica e calorosa, che ha sempre detto di amare molto l’Italia e gli italiani. Auguri!

autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...