Che fine ha fatto Nicolas Vaporidis?

05 giugno 2017 ore 16:45, intelligo
I parecchi capelli in meno gli danno un’aria da “maledetto” che tanto diverso lo rende da quel “bravo ragazzo” che tutti presero a cuore quando venne lanciato nel mondo del cinema da Notte prima degli esami, pellicola di successo del 2006, diretta da Fausto Brizzi. Nicolas Vaporidis, ormai 35enne, dice di sé: “Con l’avanzare dell’età, le mie radici greche da parte di padre si fanno sentire sempre più prepotenti…”.
 
Che fine ha fatto Nicolas Vaporidis?
Nicolas Vaporidis nasce a Roma il 22 dicembre del 1981
, da mamma italiana e da padre greco che però insieme stanno poco. Il divorzio dei genitori arriva quando Nicolas è ancora un bimbetto, e lui resta a vivere con la mamma. Studia a Roma, dove prende la maturità classica al Liceo Manara. E’ il 2000 e Nicolas si iscrive alla facoltà universitaria all’epoca più recente e che va più di moda: scienze della comunicazione. Ma è incostante e ha poca voglia di studiare così decide di prendersi almeno un anno sabatico per scoprire un po’ il mondo fuori dai confini di casa. Lo fa in modo avventuroso, pagandosi da solo il viaggio, lavorando come cameriere, ma è tempo ben speso, perché l’esperienza così ottenuta l’aiuta a scoprire tante cose e gli permette di imparare l’inglese in modo fluido. Quando torna in Italia è pronto per nuove avventure, e decide di frequentare la scuola di recitazione Teatro Azione, diretta da Cristiano Censi, un drammaturgo regista e attore, e da Isabella del Bianco. Non dura molto, però, e già dopo qualche mese Nicolas è alla ricerca di qualcosa che lo appassioni davvero. E quel qualcosa arriva quando nel 2002 gira il suo primo film, Il ronzio delle mosche, per la regia di Dario D’Ambrosi, con Greta Scacchi, una storia futuribile, ambientata in un mondo dove noia e conformismo la fanno da padrone e un'équipe di medici si trova a dover studiare gli ultimi tre pazzi rimasti sulla Terra, per scoprire dove sia l'origine della loro diversità e riportarla fra gli uomini. Nonostante l’ambientazioni un po’ complessa da digerire e pur non essendo un successo al botteghino, il film riceve buone critiche che danno una certa visibilità anche a Nicolas. 

Così, l’anno successivo, a Vaporidis viene affidata la parte del protagonista in Tredici a tavola, per la regia di Enrico Oldoini, una delicata commedia che narra l’amore del diciottenne Giulio nei confronti di una bellissima Anna, il tutto nella scenografia di una splendida villa appartenuta ai De’Medici, durante un’afosa estate e con tutta la famiglia al seguito a fare da contorno. La pellicola è un vero successo e si aggiudica il Los Angeles Italian Film Awards. Un’altra bella prova di Nicolas, ancora non conosciutissimo dal grande pubblico, ma già apprezzato dagli addetti ai lavori. Così, sempre con Oldoini, gira la miniserie tv A casa di Anna, in onda su Rai Uno nel 2004. Nello stesso anno è protagonista, insieme con Piera Degli Esposti, del cortometraggio Corpo immagine, diretto da Marco S. Puccioni, in cui Nicolas recita completamente nudo mostrando una grande capacità scenica anche in momenti recitativi che possono risultare imbarazzanti. Il corto è poi stato presentato, fuori concorso, alla Biennale di Venezia riscuotendo discrete critiche. 

A questo punto, Nicolas Vaporidis comincia ad essere uno dei più quotati giovani attori emergenti italiani, e la consacrazione, prima ancora che sul grande schermo, gli arriva dalla TV, quando nel 2005 viene chiamato nel cast di Orgoglio – Capitolo terzo, trasmesso su Rai uno nel 2006 per la regia di Giorgio Serafini e Vincenzo Verdecchi e, di seguito, entra pure nel cast di Testimone silenzioso della serie tv di Canale 5, R.I.S. 2 - Delitti imperfetti, regia di Alexis Sweet. Nicolas viene notato anche da Leonardo Pieraccioni, che gli offre un piccolo ma significativo ruolo in Ti amo in tutte le lingue del mondo. Ormai il grande successo è nell’aria, ed è solo questione di tempo. Arriva infatti sempre nel 2006 quando Nicolas verrà chiamato a girare Notte prima degli esami, una commedia “giovanilistica” diretta da Fausto Brizzi, con la deliziosa Cristiana Capotondi e un indimenticabile Giorgio Faletti. Ambientata alla fine degli anni ’80, la pellicola racconta la storia di un gruppo di studenti nei pochi giorni che passano dalla fine della scuola agli esami di maturità. Nicolas è l’interprete principale del film che sarà il successo dell’anno. Tanto che, già pochi mesi dopo (2007) viene girato Notte prima degli esami – Oggi, con Carolina Crescentini, che tenta di rinnovare, senza però riuscirci, il successo del film precedente. Seguono altri due film, il primo è Last Minute Marocco, con Maria Grazia Cucinotta, Valerio Mastrandea e Lorenzo Balducci. Stavolta si tratta di una commedia “on the road”, che non sbanca i botteghini, ma che è comunque un film godibile. Nello stesso anno, Nicolas gira Cemento armato, opera prima di Marco Martani, sempre con Carolina Crescentini, e Come tu mi vuoi, regia di Volfango De Biasi, ancora con Cristiana Capotondi. Nel 2008 recita la parte di Massimo nel film Questa notte è ancora nostra, diretto da Paolo Genovese e Luca Miniero. Nel 2009 torna sul grande schermo con il film Iago, regia di Volfango De Biasi accanto a Laura Chiatti. Sempre nel 2009 interpreta e produce il film di Riccardo Grandi Tutto l'amore del mondo con Ana Caterina Morariu e Sergio Rubini. Nel 2010 torna a lavorare con Fausto Brizzi nel film Maschi contro femmine. Amatissimo dalle ragazzine ma non solo, durante la lavorazione di Notte prima degli Esami, ha una storia sentimentale con Cristiana Capotondi che dura per circa un anno, poi gli vengono attribuiti svariati flirt, che lui però nega. Alla fine, esce fuori che ha una storia d’amore con la bellissima collega Giorgia Surina. I due si sposano a Milano con rito civile e poi la cerimonia viene ripetuta nella suggestiva Mykonos. Il matrimonio dura però meno di un paio d’anni: già nel 2014 i due annunciano il divorzio, e Nicolas si dice legato alla blogger greca Isabella Benedetti Livanos.

 Ultimamente, però, anche questa storia d’amore sembra sia stata archiviata, almeno a sentire cosa ha risposto a VF lo stesso Nicolas in una recente intervista quando la giornalista gli ha chiesto se stava con una ragazza greca: “No, sono single. Ma non penso di restarlo per tutta la vita”. “Anche perché ha spesso detto di volere figli”, lo ha incalzato la giornalista.” “,”, ha replicato Vaporidis. “Ho sempre desiderato essere un family man. I figli vorrei non solo averli ma viverli, crescerli, passarci più tempo possibile”. Nel frattempo, però, si sta dedicando alla carriera, e negli ultimi anni ha anche scoperto la conduzione televisiva, a Colorado Caffè al fianco di Paolo Ruffini, e anche come opinionista in una puntata di Amore Criminale. A noi non resta che augurare un grande in bocca al lupo a questo giovane e bravo attore.

di Anna Paratore
autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...