Assicurazione obbligatoria degli avvocati: al via oggi tra le proteste

11 ottobre 2017 ore 10:38, intelligo
Scade oggi il termine per tutti gli avvocati di dotarsi di una polizza assicurativa che copra la responsabilità civile e gli infortuni che possano derivare dall’esercizio della professione. E' un effetto del Decreto del Ministero della Giustizia del 22 settembre 2016, entrato in vigore oggi, l’assicurazione è obbligatoria: chi non si è dotato della polizza necessaria rischia la cancellazione dall’albo.

Assicurazione obbligatoria degli avvocati: al via oggi tra le proteste
I massimali previsti per legge variano in base alle dimensioni dello studio legale e al numero di professionisti impiegati. Il massimo risarcibile non può comunque superare i 10 milioni di euro. Molti avvocati, però, contestano alcune delle condizioni richieste e chiedono a gran voce la modifica della normativa. Secondo gli avvocati, infatti, il D.M. 22/2016 non tutela la libera scelta nel campo dell’assicurazione professionale forense. I professionisti lamentano la poca chiarezza su quante e quali compagnie assicurative abbiano adeguato le condizioni di polizza per la responsabilità professionale ai precetti di cui al regolamento ministeriale.
La volontà del Legislatore è quella di assicurare un livello di tutela adeguato a tutti i clienti degli studi legali, sul presupposto che costoro necessitino di una tutela rafforzata, e su quello, che si ritiene evidente, della considerazione della intrinseca delicatezza “sociale” di un'attività professionale che per sua natura incide su interessi e diritti fondamentali della persona, implicando il rischio di provocare rilevanti danni nella sfera patrimoniale e non patrimoniale della medesima.
In realtà le disposizioni che entrano in vigore oggi, erano già state previste nelle loro linee fondamentali dalla Riforma forense del 2012, ma ci sono voluti cinque anni per rendere effettiva la norma sull’assicurazione obbligatoria degli avvocati. Adesso non solo chi non aveva una polizza assicurativa, ma anche chi ne aveva una non del tutto adeguata è tenuto a uniformarla alle disposizioni della nuova legge.

Nel dettaglio, il Decreto Ministeriale prevede che le polizze stipulate dagli avvocati prevedano le seguenti clausole:
- Massimali minimi di copertura: progressivi, in base all’ammontare del fatturato.
- Copertura per il danno patrimoniale, non patrimoniale, indiretto, futuro.
- Clausole di validità temporale: con la previsione di retroattività e postuma.
- Rinuncia della compagnia assicurativa al diritto di recesso in caso di sinistro.
    
 #assicurazione #obbligatoria #avvocati
 

autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...