Ciclone su vaniglia in Madagascar: boom prezzo dei gelati, e gli agricoltori...

24 agosto 2017 ore 8:19, Stefano Ursi
Il prezzo della produzione di vaniglia ha subito una potente un'impennata a causa di un ciclone che si è abbattuto sul Madagascar, che è il maggiore produttore al mondo delle pregiate bacche da cui si ricava l'essenza che troviamo in gelati e altri dolciumi di larghissimo consumo. Lo riporta il Financial Times, spiegando che il ciclone Enawo, che si è abbattuto sull'isola, con le sue raffiche di vento fortissimo ha praticamente distrutto moltissime delle piantagioni causando così una carenza di vaniglia; la cui domanda, negli anni, è sempre in costante aumento e dunque i prezzi della produzione non possono che schizzare alle stelle.

Ciclone su vaniglia in Madagascar: boom prezzo dei gelati, e gli agricoltori...
Vaniglia
Aumenti che, come ovvio, si sono riversati qua e là sui consumatori visto che le grandi industrie del settore dolciario hanno dovuto gioco forza fare i conti con questa improvvisa quanto inaspettata ondata di rialzi dei prezzi delle preziose bacche. Tanto che, si legge, alcune realtà della gelateria hanno dovuto togliere il gusto vaniglia dal loro menu in attesa del nuovo raccolto. Nonostante moltissimi non usino più la vaniglia originale bensì più spesso estratti di varia natura, l'aumento dei prezzi sta comunque avendo un effetto, spiega il FT, sul mercato e sui prezzi al consumatore. L'effetto però, spiega il giornale, non è stato solo negativo bensì, per anche positivo per gli agricoltori del Madagascar, che grazie ai prezzi aumentati si sono potuti permettere per la prima volta, si legge, case in cemento e la costruzione di scuole per i figli.

La vaniglia è un'orchidea originaria del Messico. I suoi frutti, comunemente chiamati baccelli, producono la spezia nota come vaniglia. La parola deriva dallo spagnolo e in particolare dalla parola ''vaina'', che vuol dire baccello. Ci sono tre tipi di vaniglia attualmente coltivati La fragrans o "Vaniglia Bourbon", quella appunto prodotta in Madagascar e altre aree tropicali dell'Oceano Indiano sud occidentale, la Vanilla tahitensis e la Vanilla pompona. Dopo lo zafferano, la vaniglia è la seconda spezia più costosa che esista al mondo, per via della necessità di molta manodopera per la sua produzione e per la redditività tutto sommato limitata.

#vaniglia #prezzi #ciclone #madagascar
autore / Stefano Ursi
caricamento in corso...
caricamento in corso...