Vent'anni di Niccolò Fabi in "Diventi-Inventi": Olivia sempre nel cuore

14 ottobre 2017 ore 9:14, Americo Mascarucci
Vent'anni di carriera per Niccolò Fabi  con l'annuncio di una pausa dall'attività artistica di almeno un anno. Ma non è un addio alla musica. Niccolò tornerà dopo aver dedicato più tempo agli affetti più cari. Vent'anni fa iniziava la sua carriera artistica e oggi Fabi la festeggia con un doppio cd, un cofanetto in edizione limitata e un concerto il 26 novembre al Palalottomatica di Roma. Si chiama "Diventi Inventi 1997-2017" l'album pubblicato ieri contenente  25 brani in doppio cd, tra vecchie canzoni riproposte in nuova versione, una serie di demo di brani editi e un brano live. Poi un cofanetto, in edizione limitata acquistabile solo su Amazon, contenente il doppio CD, un doppio LP in vinile (con i brani del primo CD), un 45 giri, il libro-intervista inedito di Martina Neri dal titolo “Solo un uomo”, e un CD Live che raccoglie una selezione di brani registrati durante l’ultimo tour estivo, che si chiuderà con il concerto di Roma il 26 novembre. Sul palco insieme a lui ci saranno tutti i protagonisti dei suoi 20 anni di carriera, a partire dai primi musicisti che lo hanno accompagnato sino ad oggi, sino ai grandi big con cui ha collaborato, senza dimenticare anche i nomi meno noti ai tanti.
Vent'anni di Niccolò Fabi in 'Diventi-Inventi': Olivia sempre nel cuore

IL VENTENNIO
Fabi ho ottenuto il primo successo con il singolo Dica (1996) che gli ha aperto la strada del Festival di Sanremo del 1997 dove vince il Premio della Critica nella categoria nuove proposte con Capelli.  L'anno dopo è di nuovo al Festival con Lasciarsi un giorno a Roma. Con l'amico Max Gazzè ha inciso il brano Vento d'estate, che vince Un disco per l'estate. Il 3 luglio 2010 una terribile disgrazia colpisce la sua vita privata: la figlia Olivia, di 22 mesi, muore per una meningite fulminante all'ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma. In sua memoria decide di organizzare, insieme alla compagna Shirin Amini, alcuni concerti  con fini benefici.

LA PAUSA
"Sono sempre stato più malinconico intimista che ironico scanzonato" rivela il cantante a Il Giornale per poi aggiungere: "Dopo il concerto del 26 novembre al Palalottomatica di Roma mi prendo un anno sabbatico". Fabi conferma cià che aveva già anticipato  in un'intervista a La Stampa alcuni mesi fa: "Io e la mia band andremo avanti fino al 26 novembre - disse - quando chiuderemo al Palalottomatica di Roma. A quel punto potrò dire chiusa questa fase della mia vita artistica: ciò che avevo da dire l'ho detto. Mi prenderò tempo, farò una pausa per capire dove andare a parare. Mi dedicherò agli affetti, agli amici. Ridarò attenzione a certe dinamiche della vita che ho trascurato in questi anni". 
Poi aggiunse: "Questa fase della mia vita è finita nella maniera migliore. Per ora non sto scrivendo, ma so che tenterò di fare qualcosa di completamente diverso. Molto è cambiato da quel 2010 (anno della morte di Olivia ndr.) quella giornata e le sue edizioni successive sono state un obbligo morale ed emotivo. Successivamente è diventata una scelta vera. All'inizio era il compleanno di nostra figlia, oggi è a tutti gli effetti una festa per i bambini alla quale si unisce l'aiuto economico per un progetto che si dedichi ai bimbi più in difficoltà" diosse annunciando l'ennesimo concerto di beneficienza in memoria della figlia.
Un anno sabbatico, ma non un addio di carriera. Fabi infatti non mancò di criticare alcuni media che avevano annunciato la sua definitiva uscita di scena collegando questa decisione alla scomnparsa di Olivia. Quella tragedia ha senz'altro segnato profonamente Fabi ma non al punto di rinunciare a quella musica grazie alla quale riesce a tenere vivo il ricorso della figlia.

#niccolèfabi #diventiinventi #carriera

caricamento in corso...
caricamento in corso...