La redenzione di Mel Gibson dopo "troppa passione": attore e regista in 2 film

02 febbraio 2017 ore 10:19, Americo Mascarucci
Mel #Gibson sta vivendo una sorta di #rinascita grazie al film La battaglia di Hacksaw Ridge, un dramma pacifista candidato a 6 premi oscar. E' la storia di un obiettore di coscienza americano durante la Seconda guerra mondiale. Una riscossa dopo anni di insuccessi e polemiche, legati anche alla sua vita privata e alle violenze denunciate dall'ex moglie, una passione violenta ai limiti dell'ossessione. Ma Gibson non considera affatto il ritorno del successo frutto della volontà di riprendersi una rivincita.
Intervistato dal Corriere della Sera, il regista e attore spiega: "Sono sempre stato affascinato da questo primo americano che ha ricevuto una Medaglia d’Onore per aver servito la sua patria, senza mai sparare un colpo di arma da fuoco. C’è in lui una autentica nobiltà d’animo, e la Bibbia resta sempre anche per me il manuale più utile per affrontare la vita che ci viene concessa".
La redenzione di Mel Gibson dopo 'troppa passione': attore e regista in 2 film
La fede in Gibson non manca mai, una fede intesa come rinascita morale, spirituale e sotto certi aspetti anche culturale.
"La fede contro ogni violenza del protagonista - spiega ancora nell'intervista - la sua fedeltà ai propri ideali e anche la bellezza del suo rapporto con la donna sempre amata. Sono stato attento a ogni volto e alla resa anche, diciamo pure spirituale, di qualsiasi interprete. Penso al Capitano così ben reso da Sam Worthington e a Vince #Vaughn nei panni del Sergente Howell". 
Gibson rispoonde anche alle polemiche sulla crudezza delle scene, del resto un copione già sperimentato nel contestatissimo The Passion.
"Non ho avuto timore della crudezza di tante sequenze. Dimentichiamo, anche se sono tempi di violenza, l’orrore delle guerre, che spengono tante vite e distruggono le fondamenta della società".

Ma non è tutto.
Gibson reciterà insieme allo stesso Vince Vaughn nel thriller Dragged Across Concrete scritto e diretto da S. Craig Zahler.
Anche qui la storia è violenta, in quanto racconta di due poliziotti dai modi spicci sospesi dal servizio dopo che in un video vengono riprese e documentate le violenze compiute. Senza soldi e umiliati di fronte all'opinione pubblica i due decidono di passare dall'altra parte della barricata, ossia diventando criminali ma le cose prenderanno per loro una piega sempre più drammatica.  
Insomma, Gibson è tornato desideroso di riprendersi quella scena da cui troppo a lungo è stato lontano. 
caricamento in corso...
caricamento in corso...