D'Alessio contro le accuse evasione fiscale:"Io onesto. Non devo nulla al fisco"

20 aprile 2017 ore 8:22, intelligo


di Eleonora Baldo


Nuvole nere all’orizzonte sembrano profilarsi per il cantante napoletano Gigi D’Alessio, il quale, secondo l’inchiesta condotta del pm di Roma Saverio Francesco Musolino, sarebbe colpevole di evasione fiscale per una somma che si aggirerebbe intorno al milione e 700 mila euro. 


 L'ACCUSA - Secondo quanto trapelato dall’inchiesta, nel commettere l’illecito fiscale il noto cantante si sarebbe avvalso della collaborazione di altri tre imputati appartenenti al suo entourage. Dal canto suo D’ Alessio ha già fatto sapere tramite il proprio legale, l’Avvocato Gennaro Malinconico, che intende ricorrere e dimostrare l’inconsistenza delle accuse a lui rivolte dalla procura romana: “Finora nessuna sentenza ha mai ritenuto il mio assistito debitore nei confronti dello Stato per tributi non pagati” ha dichiarato il legale alla stampa. 

L'INDAGINE - Tuttavia, secondo le indagini avviate nel 2011 la condotta illecita si sarebbe verificata con un complesso gioco di scatole cinesi, avvalendosi, appunto dell’aiuto di alcuni collaboratori di D’Alessio. L’attività investigativa a suo carico, infatti, sarebbe partita a seguito dei sospetti generati dalla vendita della società di produzione musicale GGD Production Srl, di proprietà del cantante, ad una persona ad egli molto vicina, per poi essere nuovamente rivenduta all’americana Global Music Entertainment, artifizio escogitato - secondo quanto ipotizzato nel corso delle  indagini - per evitare la dichiarazione di più di 6 milioni di euro al fisco italiano e la conseguente corresponsione di circa 997.581 euro di Ires e 770.613 euro di Iva.

LE DICHIARAZIONI - Dal canto suo, il cantante ha tenuto a far sapere che “da sempre il mio unico impegno è per la musica e, da oltre vent'anni, mi affianca uno staff di esperti professionisti (avvocati, commercialisti, etc.), che mi seguono in tutto e per tutto”, sottolinenando, sulla stregua di quanto rimarcato dal suo avvocato che “Non vi è, infatti, alcuna sentenza, neanche di primo grado, che mi abbia ritenuto responsabile di fatti di evasione e non ho alcuna condanna al pagamento di qualsivoglia imposta, perché nulla devo al fisco”.

D'Alessio contro le accuse evasione fiscale:'Io onesto. Non devo nulla al fisco'


autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...