"Non c'è più religione", un presepio vivente accende lo scontro Gassmann-Bisio

06 dicembre 2016 ore 10:32, Andrea Barcariol
Si può sorridere anche parlando del confronto tra religioni diverse. Ci prova Luca Miniero (Benvenuti al Sud) con "Non c'è più religione" dove racconta il conflitto, pieno di gag comiche, tra cristiani e musulmani a Porto Buio, una piccola isola del Mediterraneo. Protagonisti dello scontro Claudio Bisio, sindaco di un paesino dove non nascono più bambini italiani che deve gestire l'emergenza natalizia e Alessandro Gassman è un guascone convertito all'Islam per amore. Il conflitto tra religioni si accende quando arriva Natale e per il presepe vivente si ha a disposizione solo un bambinello musulmano. L'obiettivo? "Mostrare il caos di religioni e di morale dell’oggi - spiega Miniero - giocando con le religioni di tutti in un’isola che è una specie di non luogo e che raccoglie un po’ di tutto. Ci sono troppi scontri, come sappiamo dalla cronaca, religiosi, che vengono ad essere in questo paesino quasi la metafora di quello che accade nel mondo".

'Non c'è più religione', un presepio vivente accende lo scontro Gassmann-Bisio
Ritorna quindi la coppia vincente con con Claudio Bisio: "Da quanto tempo si provava a fare film così, sono anni, no? Io ho letto tante versioni di sceneggiatura, dalla prima versione ad oggi c'è stato di mezzo il Bataclan, ci sono state in mezzo cose anche drammatiche, tragiche. E quindi ci sono stati dei momenti in cui si pensava anche di non farlo più". Sulla stessa lunghezza d'onda Gassman, che lo scorso anno aveva interpretato il ruolo di un prete nel divertente "Se Dio vuole" di Edoardo Falcone: "Ho accettato di farlo perché mi sembra un film utile. È il mio primo presepe e credo che continuerò a farne altri nei prossimi anni. Chiaramente il mio personaggio è un deficiente, una persona che ha cambiato religione solo perché si è innamorato di una bella ragazza, insomma una persona poco intelligente e io ho cercato di mettere quella grossa parte di me che produce imbecillità". Nel cast anche Angela Finocchiaro suora per delusioni adolescenziali d'amore. Nella pellicola anche un omaggio a Lucio Dalla.
caricamento in corso...
caricamento in corso...