Foto vip "rubate" a Canalis & co: il pm chiede il carcere per la Lucarelli

31 gennaio 2017 ore 11:39, Americo Mascarucci
#Furto e tentata vendita di #foto private. Con questa accusa il pm Grazia Colacicco ha chiesto le #condanne a un anno di carcere per Selvaggia #Lucarelli, a un 1 anno e 2 mesi per Gianluca Neri e 10 mesi per Guia Soncini con riferimento alle foto “rubate” durante la festa di Elisabetta Canalis.
In quell'occasione furono scattate 191 fotografie da Felice Rusconi, marito della showgirl Federica Fontana, che poi le inviò via email agli invitati della festa. "L'interno della villa fino a quel momento non era mai stata fotografato - ha spiegato il pm Colacicco nel corso dell'udienza - e quegli scatti avevano anche un notevole valore commerciale per le riviste di gossip". 
Secondo la Procura, una volta entrati in possesso delle immagini, che avrebbero ottenuto "hackerando" l'accesso all'account di posta di Rusconi, gli imputati avrebbero tentato di venderle tramite un fotografo al settimanale "Chi". 
L'affare, però, sarebbe andato a monte perché il direttore Alfonso Signorini, dopo aver telefonato alla Canalis, avrebbe scoperto che si trattava di immagini recuperate in maniera illecita. 
Foto vip 'rubate' a Canalis & co: il pm chiede il carcere per la Lucarelli

Elisabetta Canalis e Federica Fontana hanno chiesto un risarcimento di 10mila euro a testa. 
"Per quelle foto c'è stata una trattativa da diverse migliaia di euro che è pienamente provata - ha evidenziato - l'avvocato Marco Tullio Giordano, uno dei legali di parte civile - Questo tipo di reati ha gravi conseguenze morali per chi le subisce. Le persone non sanno di essere sotto controllo. La Canalis lo ha saputo solo nel 2012 e, in quel momento, ha potuto pensare di essere ancora controllata". 
Secondo il pm per condannare gli imputati sarebbero sufficienti i messaggi che si sarebbero scambiati a proposito delle famose foto e le testimonianze. 
La Lucarelli non si è mai sottoposta al contraddittorio pur avendo sempre negato la trattativa per la vendita delle foto.
Neri si è invece difeso sostenendo di aver trovato scatti, password, persino dati delle carte di credito di molti vip (tutti rinvenuti nei suoi computer) sul sito americano di gossip 4chan ma per il pm non vi sarebbero tracce di suoi accessi al portale.
Per il pm tutti i reati sarebbero pienamente provati, tranne quello di accesso e detenzione di codici abusivi per Soncini, per la quale è stata chiesta l'assoluzione per questo tipo di reati. 

caricamento in corso...
caricamento in corso...