VOTO ANTICIPATO: Renzi, Forza Italia e la favola della rana e dello scorpione

09 maggio 2017 ore 10:38, intelligo
All'indomani del voto francese riparte il tormentone del voto anticipato in Italia. I dirigenti renziani questa volta fanno filtrare le volontà del segretario del Pd di attendere la scadenza naturale della legislatura e arrivare fino a febbraio-marzo 2018. Dentro Forza Italia, però, si fidano in pochi di questa rassicurazione. "È come la favola della rana e dello scorpione. Anche se a Renzi converrebbe attendere, alla fine il suo istinto prevarrà e staccherà la spina a un governo che mal tollera". 
Che siano timori ingiustificati o formule con cui esorcizzare uno scenario che gli azzurri vedono come il fumo negli occhi non è facile capire. Di certo una parte dei forzisti scommette su una data: quella del 15 ottobre. L'incidente in Parlamento potrebbe avvenire - prevede qualcuno - sulla legittima difesa. 

La maggioranza al Senato ha bisogno dei voti di Forza Italia, ma su questo tema gli azzurri non possono permettersi di rompere con gli alleati dopo la ritrovata compattezza alla Camera. Inoltre alcuni dirigenti di Forza Italia hanno fatto presente a Berlusconi che fino al voto dovrà essere fugato ogni sospetto di futuri, nuovi patti del "Nazareno", pena un travaso di voti a favore di Lega e FdI. Un vicolo cieco che potrebbe davvero fare aumentare la temperatura in Parlamento nelle prossime settimane.

#renzi #forzaitalia #berlusconi

VOTO ANTICIPATO: Renzi, Forza Italia e la favola della rana e dello scorpione
autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...