Padova, anche un assistente spirituale alle orge di don Andrea. Che c'entra Belen

19 gennaio 2017 ore 12:16, Americo Mascarucci
Non si spengoni i riflettori sulle orge in canonica nella parrocchia di Padova amministrata da Don Andrea.
Nei giorni scorsi Il Gazzettino e il Mattino di Padova avevano raccontato che anche altri sacerdoti della diocesi sarebbero finiti nell'inchiesta in quanto habituè dei festini hard organizzati dal sacerdote accusato di violenza privata e favoreggiamento della prostituzione.
Secondo quanto denunciato da una donna, presunta ex amante dell'ex parroco, don Andrea l'avrebbe costretta a prostituirsi in cambio di denaro.
Uno dei preti indicati dalla donna come frequentatori delle presunte orge in canonica, avrebbe incriociato il suo destino con quello di Belen Rodriguez: pare infatti l'abbia "accompagnata spiritualmente" in preparazione del matrimonio con Stefano de Martino. 
Il sacerdote avrebbe anche dovuto celebrare le nozze, rifiutandosi poi di farlo di fronte al clamore mediatico che le stesse stavano generando. Il matrimonio rischiava di diventare uno show invece che un sacramento.
"Sono un prete. Il matrimonio è un sacramento, non un carnevale mediatico. Mi sento a disagio - aveva spiegato - I riflettori sono sempre accesi: servizi sulla Chiesa, giornalisti che mi telefonano in continuazione. Io ho da fare, sono un parroco di una unità pastorale. Insegno religione alle scuole medie".
Padova, anche un assistente spirituale alle orge di don Andrea. Che c'entra Belen

Si tratta inoltre di un sacerdote molto attivo in campo sociale soprattutto in favore dei giovani.
Ascoltato dagli inquirenti avrebbe ammesso la partecipazione ai festini di Don Andrea e anche i rapporti sessuali con l'accusatrice dell'ex parroco, negando però di aver versato soldi al collega per poter avere la disponibilità della sua ex amante.
Il sacerdote sarebbe inoltre la persona filmata da don Andrea durante i festini e riprodotta in un video sequestrato dagli inquirenti.
Con quel video pare Don Andrea abbia minacciato la donna costringendola a prostituirsi, dopo che la stessa ad un certo punto pare avesse deciso di non partecipare più alle "orge dei preti".
Tuttavia il confessore di Belen non risulterebbe indagato.
Vicenda che sembra intorbidirsi sempre di più anche se, come sempre avviene, non è detto che i fatti denunciati e verificati possano poi costituire reato.
Tutto sta nel dimostrare se Don Andrea abbia effettivamente preso soldi per far prostituire la presunta ex amante e se l'abbia effettivamente costretta dietro la minaccia di divulgare i video hard. 
E' ciò che gli inquirenti dovranno appurare al di là dei tanti particolari scabrosi


caricamento in corso...
caricamento in corso...