Cattolici alla resa dei conti, Adinolfi contro Gandolfini: "Dice falsità, ho le prove"

23 gennaio 2017 ore 12:58, intelligo
Frattura, o quasi. Di certo non se le sono mandate a dire. Dal "non lo conoscevo prima di" al "ma se ha presentato il mio libro". E quando si entra in un simile vortice di polemiche non c'è certo da sorridere. Anzi. La resa dei conti può anche rischiare di far male a quell'elettorato cattolico, salvo poi essere smentiti. Ci mancherebbe. Cerchiamo di capire cosa è accaduto, attenendoci alle parole, non alle suggestioni. 
"Ho seguito il discorso di Massimo Gandolfini, con un pizzico di speranza, alla chiusura del comitato Dnf. Capisco lo scoramento per trovarsi di fronte a meno di settanta persone dopo tutto lo sforzo di mobilitazione per la due giorni, ma davvero le parole sprezzanti con cui è stato addirittura detto che Nicola Di Matteo ha lasciato il Popolo della Famiglia (nessuno più di lui lavora alla riuscita della mobilitazione di sabato al Teatro Eliseo) dopo aver disegnato una linea politica collaborazionista a caccia di poltrone nei soliti partiti, lascia interdetti". Così Mario Adinolfi scrive contro Gandolfini. Nicola Di Matteo risponde poco dopo, sempre scrivendo: "Cari amici, ADESSO BASTA... Credo possa bastare. Invito a tutti a non stare più con un piede in due scarpe quindi è ora di decidere concretamente o Popolo della Famiglia o cdnf. Solo per chiarezza nessuno del PDF parla o ha parlato male del cammino neocatecumenale, anzi difeso e amato. Non mettete ancora più zizzania. Ricordo a tutti che il padre della menzogna è Satana. Un chiarimento per tutti ancora una volta siamo attaccati e quindi credo che sia bene rispondere........... W il Popolo della Famiglia".

Cattolici alla resa dei conti, Adinolfi contro Gandolfini: 'Dice falsità, ho le prove'
Ancora Adinolfi, tornando su Gandolfini: "Quando poi si racconta 'Io manco sapevo chi fosse Mario Adinolfi, quando a marzo 2015 ci ritrovammo insieme a un tavolo notai questo signore voluminoso e mia moglie mi disse che era Mario Adinolfi e seppi che aveva scritto un volumetto, Voglio La Mamma'. Caro Massimo, un anno prima nella tua Brescia avevi presentato Voglio La Mamma con me, fianco a fianco. Era il settembre 2014, questo è il video, dura due ore e mezzo, usalo come promemoria la prossima volta che vuoi inventare una fandonia. E no, a fare i camerieri nei partiti a cui ci vuoi consegnare noi non ci andiamo. A schiena dritta, con il Popolo della Famiglia soggetto politico autonomo, senza dover inventare bugie per screditarti. Bastano i fatti".
L'ultima frecciatina è per Filippo Savarese: "Mi dicono che abbia cancellato il video del discorso odierno. Almeno si sono vergognati", conclude il leader del Popolo della Famiglia.
E cosa rispondono in casa Dnf? Leggiamo il resoconto della convention dalle parole di Simone Pillon: "La convention di tutti i referenti locali del comitato DNF è stata una due giorni di grande comunione. 142 delegati in rappresentanza degli oltre 80 comitati locali hanno voluto esser presenti e intervenire per discutere e decidere insieme le strategie da mettere in campo per le prossime battaglie. Ogni intervento ha portato un pezzettino di discernimento per trovare insieme la strada migliore. Obbiettivo: rimettere al centro la persona... superare la globalizzazione individualista e ritrovare la bellezza della relazione. Partendo dalla famiglia certo, ma senza dimenticare i grandi temi che a cascata dipartono da questa. Fermare il gender, riappropriarci dell'educazione, ridare dignità giuridica a matrimonio e filiazione, fermare droga libera, proporre forme sostenibili e strategicamente sensate di sostegno alle popolazioni altrimenti costrette a migrare, ridare garanzie e sicurezza al mondo del lavoro... e la legge su eutanasia.. sulle terapie riparative... sull'adozione gay, la vita nascente da salvare.. le pratiche eterologhe da bloccare.... temi enormi e affascinanti a un tempo. La battaglia si giocherà sul piano culturale, sul piano politico e sul piano ecclesiale. Dobbiamo rivederci presto perché molti avrebbero voluto e dovuto intervenire ma il tempo non è bastato nonostante i due giorni di lavori. Io torno a casa sereno e consapevole che lo spirito profetico soffia su questo popolo meraviglioso. Se qualcuno volesse far arrivare suoi ulteriori contributi mandi una mail (....) Saremo felicissimi di avere il contributo di tutti. E ora ripartiamo... consapevoli che stiamo cambiando il mondo.Come le parrocchie italiane nel 1948. Come un piccolo gruppo di operai nei cantieri di Danzica negli anni '80. Io mercoledì 25 sarò a Verona con un nuovo format dedicato alle nuove sfide che ci attendono. In tutto questo mi raccomando! Che non si lasci mai la preghiera. Quando un cristiano si mette in ginocchio il mondo trema. E se qualcuno continua a maledirci e a lanciarci sassi e polvere ..... pazienza. Forse il Signore guarderà la nostra afflizione e ci renderà il bene in cambio della maledizione... Non rispondiamo al male ma continuiamo a fare il bene". Nessun riferimento, nessuna polemica. Queste ultime parole potrebbero sì prestarsi a una doppia interpretazione (i nemici sono esterni o interni?), ma sembra esserci l'intenzione di andare oltre. 

Il video però resta. Vediamolo:


 
autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...