Galantino boccia Trump sulla tortura, ma su Donald anti-aborto e pro-life tace?

26 gennaio 2017 ore 13:45, intelligo
Tortura? Terrorismo non si batte con altro terrorismo. Parole sante che la Chiesa, anzi meglio dire la Cei per bocca del suo segretario Monsignor Nunzio Galantino ha pronunciato commentando le parole del Presidente degli Usa Donald Trump sulla orribile pratica di interrogatorio
Galantino boccia Trump sulla tortura, ma su Donald anti-aborto e pro-life tace?
"Assolutamente, penso che funzioni"  ha detto Trump a chi lo intervistava riuscendogli a estrapolare anche quest'ultimo concetto: "Gli Stati Uniti dovrebbero combattere il fuoco col fuoco".
Poi precisa che lascerà l’ultima parola al nuovo capo della Cia, Mike Pompeo ed al segretario
alla difesa James Mattis ma ormai il danno è fatto: "Se non vogliono farlo, va bene - ha rettificvato - lavorerò in questa direzione. Voglio che tutto sia nei limiti di quello che si può fare, di ciò che è legale. Ma se penso che funzioni? Certo che funziona".
D'altronde la tecnica è stata giustamente tanto contestata e abolita dal suo predecessore il presidente Obama nel 2009.
La riflessione però è un'altra. Quando Trump ha cancellato i finanziamenti del governo federale a tutte le organizzazioni che praticano o fanno informazione sulle interruzioni di gravidanza nel mondo, cioè sull'aborto come Reagan e George W. Bush, la voce di Galantino non si è sentita. O forse non è giunta per colpa dei media alle nostre orecchie. Eppure il portavoce della Casa Bianca Sean Spicer è stato chiaro coi giornalisti: "È risaputo che il presidente ha posizioni pro-life, lo ha fatto sapere in modo chiaro". Beh, anche questo andrebbe commentato. Semplicemente per chiarezza, altrimenti la Chiesa rischia di esser percepita sempre più come il portavoce di un Obama qualsiasi più che la voce del Papa e di Cristo.


autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...