Toccamenti indegni, a Medjugorje non vedono la Madonna. Accuse del vescovo di Mostar

28 febbraio 2017 ore 23:59, Americo Mascarucci
"Medjugorje è un colossale imbroglio, non c'è la minima autenticità sulle apparizioni". Sarebbe questa la conclusione di un documento redatto dal vescovo di Mostar Ratko Peric che lancia pesanti accuse nei confronti dei veggenti. Il documento divulgato dalla Curia di Mostar e ripreso da Dagospia presenta delle accuse davvero sconcertanti. Che monsignor Peric fosse scettico sulle apparizioni si sapeva, così come è nota a tutti la sua avversione nei confronti dei veggenti che hanno riferito di aver visto la Vergine. Oggi il prelato mette nero su bianco le sue accuse fino ad affermare che "la Madonna descritta dai veggenti è del tutto diversa dalla madre di Dio".
Toccamenti indegni, a Medjugorje non vedono la Madonna. Accuse del vescovo di Mostar

Figura ambigua

Secondo quanto riporta Dagospia Peric avrebbe scritto:
"La figura femminile che sarebbe apparsa a Medjugorje si comporta in modo del tutto diverso dalla vera Madonna, Madre di Dio, nelle apparizioni riconosciute finora come autentiche dalla Chiesa: di solito non parla per prima; ride in maniera strana; a certe domande scompare e poi di nuovo ritorna; obbedisce ai “veggenti” e al parroco che la fanno scendere dal colle in chiesa sebbene controvoglia. Non sa con sicurezza per quanto tempo apparirà; permette ad alcuni presenti di calpestare il suo velo steso per terra, di toccare la sua veste e il suo corpo. Questa non è la Madonna evangelica. Insistono nel chiedere all’apparsa un “segno” visibile per la gente affinché creda loro. Nella maggior parte dei colloqui si menziona il “segno”e si evince che i “veggenti” sono molto innervositi per non avere un segno visibile."

Toccamenti scandalosi
 Il vescovo di Mostar prosegue: 
"L’apparsa permette non solo che alcuni della folla calpestino il suo velo allungato e steso per terra, ma anche che tocchino il suo corpo. Vicka la tocca già il secondo giorno: “E quando la tocchi, reverendo, le dita rimbalzano così”. Lo stesso ripete Ivanka e aggiunge che toccando il suo corpo sente “come aria, in qualche modo come seta, le nostre dita tornano indietro, così, quando la tocchiamo, le dita tornano indietro, in qualche modo”. Hanno fatto toccare anche ad una dottoressa la veste dell’apparsa: “Ed ecco lei [la dottoressa] ha toccato la sua veste”. Tali storie sui toccamenti del corpo della Madonna, della sua veste, del calpestio del suo velo creano in noi una sensazione e convinzione che si tratti di qualcosa di indegno, inautentico e scandaloso. Qui non c’entra la Madonna cattolica!"

Vesti diverse
"Secondo le conversazioni con i veggenti - scrive ancora Peric - l’apparsa si veste in vario modo. La figura aveva la veste secondo Ivan: “di colore blu” il primo giorno; secondo Ivanka: “di color caffè” il secondo giorno; secondo gli altri veggenti "di colore grigio”.

Durata delle apparizioni
"Profezie false su apparizioni false - attacca ancora il Vescovo- Alla domanda di Ivanka relativamente a quanto tempo apparirà ancora, la figura risponde: “Quanto a lungo voi volete, quanto a lungo voi desiderate”. Mirjana dice che chiederà all'apparsa quanti giorni apparirà ancora, poi soggiunge che dentro di lei una voce le suggerisce che apparirà ancora “2-3 giorni”. Lo ripete ancora una volta.
 Alla domanda del parroco Zovko - denuncia ancora Peric - quando cesseranno le “apparizioni”, Vicka risponde: “Penso anche che se noi dicessimo che non verremo più, e se ci lasciasse un qualche segno preciso, sicuramente cesserebbero”.
 Poi la perentoria dichiarazione della figura, in un’ "apparizione" avvenuta non a Medjugorje ma nella vicina Cerno, martedì pomeriggio 30 giugno 1981: apparirà ancora solo “tre giorni”: il 1, 2 e 3 luglio 1981. Infatti, alla domanda del parroco relativamente a quanto tempo apparirà ancora, tutti e cinque i “veggenti”, meno Ivan, rispondono unanimemente: “Tre giorni”-
Per Peric dunque tutto questo sarebbe segno di scarsa attendibilità dei racconti
"Poi l’apparsa cambia l'idea e “appare” tuttora, da 37 anni in continuazione, ogni giorno, a tre “visionari” del gruppo: Ivan, Marija, Vicka, e agli altri tre una volta l’anno: a Mirjana dal 1982, ad Ivanka dal 1985 e a Jakov dal 1998. Inoltre, a due dei su menzionati del gruppo, la figura “appare” una volta al mese dal 1987 con “messaggi” per il mondo: a Mirjana il 2 e a Marija il 25 di ogni mese puntualmente".

Le conclusioni
"Tenendo conto di tutto quel che è stato esaminato e studiato da questa Curia diocesana - conclude il vescovo di Mostar - incluso lo studio dei primi sette giorni delle presunte apparizioni, si può pacificamente affermare: La Madonna non è apparsa a Medjugorje! Questa è la verità che sosteniamo, e crediamo nella parola di Gesù, secondo cui la verità ci renderà liberi".
 

caricamento in corso...
caricamento in corso...