La notte di Halloween, i cattolici mettono un cero benedetto in finestra

31 ottobre 2017 ore 10:07, intelligo
Le zucche le mangiano, non le festeggiano. I cattolici tramite un tam tam via whatsapp e social si sono dati un appuntamento anti Halloween per festeggiare la festa cristiana di Ognissanti. Stasera metteranno sul davanzale o sul balcone un cero benedetto "perché  noi siamo cristiani e festeggiamo tutti i santi!!!" riferisce il messaggio virale. Una forma di opposizione senza scontri verbali ma di testimonianza, che mira a sottolineare il punto fermo: il 1 novembre è la festa di chi ha avuto il carattere di perfezione spirituale e quindi delle persone che riproducono in parte la perfezione divina formando a quella la propria vita.
Con la parola santità si intende generalmente una condizione di vita ritenuta come il punto d'arrivo di un cammino interiore e spirituale, secondo il punto di vista di una religione specifica, o di un sistema di valori morali.
Il giorno di tutti i Santi è una festa cristiana che prima di qualche anno fa ricopriva un'importanza significativa tanto da essere celebrata come solennità dal calendario liturgico romano. Una festa di precetto che però sempre più nell'immaginario è stata scansata da zucche, streghe e fantasmi. Eppure basti pensare che prima delle riforme di Pio XII del 1955 Ognissanti aveva anche una vigilia e un'ottava.
La notte di Halloween, i cattolici mettono un cero benedetto in finestra

HALLOWEEN E SATANISMO

Il 25 ottobre IntelligoNews aveva intervistato l'esorcista Padre Giacobbe Elia che aveva spiegato come "la festa nasce da riti esoterici. Il significato è "dolcetto, scherzetto o fattura?", quindi che si tratti di esoterismo mi pare evidente. La cosa grave è che questa festa allontana le persone dalla vera fede, avvicinandole ad altri tipi di fede che sono dissacranti. L'origine satanica sta già in questo". Per la Chiesa e per Padre Giacobbe "dietro la ritualità fatta di maghi, streghe, zucche e altro c'è il pericolo di allontanare la gente dalla fede proprio sfruttando l'apparente innocuità del gioco". 
autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...