Totti choc: "28 maggio ultima partita? Non lo so". Le ipotesi in campo

10 maggio 2017 ore 16:42, Andrea De Angelis
Spalletti lascerà la Roma. Questo ormai l'ha capito chiunque abiti all'ombra del Cupolone (e non solo). Francesco Totti pure, lo ha annunciato il nuovo ds che ha preso il posto di Sabatini. Parole arrivate così, in modo diretto e che hanno detto chiaro e tondo una cosa: per il capitano giallorosso, un pezzo di storia della società calcistica capitolina che tra due mesi festeggerà i suoi 90 anni, è l'ultima stagione da calciatore. Per lui ci sarà posto a livello dirigenziale, ammesso che il numero 10 sia d'accordo. Stando a quanto detto oggi non è affatto scontato e sulle radio romane, tanto per cambiare, non si parla d'altro. 

Totti choc: '28 maggio ultima partita? Non lo so'. Le ipotesi in campo
LE PAROLE DI TOTTI
"Ma è davvero finita il 28 maggio?" "Non lo so". Sette lettere che lasciano senza parole i tifosi. Tante ne sono bastate a Francesco Totti che ha risposto così ad una domanda a margine della premiazione dell’Italia di calcio a 5 Fisdir (Federazione Italiana disabilità intellettivo relazionali) campione del mondo, presso la Sala Monumentale della Presidenza del Consiglio dei Ministri. Insomma, nulla sembra essere scontato. Dal capitano della Roma solo un sorriso abbozzato alla domanda se la gara del 28 maggio in casa con il Genoa sarà la sua ultima. I biglietti sono in vendita, si attende uno stadio strapieno. Ma...

FUTURO DA DIRIGENTE
Totti, come riporta puntualmente La Gazzetta dello Sport, è sfuggito via alle domande ancora senza annunciare l'addio al calcio, nonostante le parole della società (nelle persone del nuovo d.s. Monchi e dell'a.d. Gandini) non abbiano lasciato spazio a colpi di scena. Totti (entrato assieme a un altro campione del mondo, Antonio Cabrini, attuale c.t. della Nazionale femminile) si è presentato a sorpresa nella Sala Monumentale della presidenza del consiglio. Visibilmente emozionato per l'evento, non ha però confermato il suo addio al calcio giocato e il futuro da dirigente, come detto appunto da Monchi. Pista che resta comunque la più probabile.

UNO SCHERZO
Basta pensare al successo dei libri sulle barzellette per capire quanto a Francesco Totti piace scherzare. Del resto anche le tante bottigliette d'acqua lanciate ai compagni, i siparietti negli spogliatoi raccontano di un ragazzo ormai uomo che non ha perso la voglia di giocare. Dunque quel "non lo so" detto a mezza bocca potrebbe essere stato semplicemente un modo per lasciare ancora tutti con il fiato sospeso. E al tempo stesso esorcizzare un addio che, lo si legge in faccia al giocatore, non è certamente deciso dal numero 10. Insomma, tanto rumore per nulla se questa ipotesi dovesse essere quella giusta. 

L'ESTERO
Vi è poi una terza, ultima pista alla quale i tifosi più accaniti non vogliono neanche lontanamente pensare. Si tratta di un possibile addio non al calcio giocato, ma alla Roma. Francesco Totti lascerebbe per la prima volta non solo la maglia, ma anche la città in cui è nato e vissuto per trasferirsi all'estero e concedersi un ultimo anno da protagonista. Non lo farebbe per soldi, ma quasi per una rivincita personale verso chi ha voluto che appendesse gli scarpini al chiodo troppo presto. Ammesso che si possa dire così per un atleta che si appresta il prossimo settembre a spegnere 41 candeline

#totti #roma #28maggio

caricamento in corso...
caricamento in corso...