Di Francesco contro Montella dopo il rigore di Bacca: chi ha ragione

27 febbraio 2017 ore 9:24, Andrea De Angelis
Chissà se ci capiterà mai di vedere un rigore calciato in quel modo. Una cosa più unica che rara, che da regolamento però dice una cosa molto chiara: fallo per la squadra avversaria. Fantacalcisticamente parlando, tanto per essere chiari, Bacca avrebbe dovuto prendere -3, altro che il +3 per il goal realizzato (in questo caso dal dischetto). Il problema poi è che il dio del calcio si è proprio divertito ieri al Mapei Stadium, facendo terminare una gara non avara di occasioni da rete proprio 1-0, anzi 0-1. Dunque quel calcio di rigore è risultato assolutamente decisivo e se i rossoneri hanno portato a casa tre punti, i neroverdi recriminano per l'ennesimo torto arbitrale subito. 

Di Francesco contro Montella dopo il rigore di Bacca: chi ha ragione
DI FRANCESCO SU TUTTE LE FURIE
Capitano tutte al Sassuolo, insomma. Basti pensare a quei tre punti persi ad inizio anno contro il Pescara per un cambio che non si poteva fare. Ricorsi su ricorsi, ma alla fine l'hanno spuntata gli abruzzesi (per i quali quella vittoria, fino a 8 giorni fa, è stata l'unica del campionato). Di Francesco a fine gara sbotta: "Cerchi di parlare con gli arbitri o cerchi di parlare con il quarto uomo e non ti risponde: questa è la cosa che ti fa ancora più rabbia, la mancanza di rispetto. Perché poi vengono davanti alle telecamere e ti dicono che vogliono il dialogo. Se io ti offendo è un conto, ma se ti chiedo e voglio sapere, come tu chiedi a me, mi tieni lontano dall'area se esco fuori di un metro, se ti domando tu mi devi rispondere".
Al quarto uomo Di Francesco aveva chiesto spiegazioni sul regolamento, dopo la scivolata di Bacca al momento di calciare il rigore: "Se uno tocca la palla due volte su un rigore, se è da ribattere, o per lo meno è una punizione, cosa bisogna fare. Questa era la mia domanda. È ovvio che io dal campo non riesco a vedere se è rigore o no, sarei un fenomeno se vedessi a 50 metri, già ho gli occhiali. Loro sono aiutati, hanno tanti collaboratori vicino, ma il fatto che tu possa chiedere, ti giri dall'altra parte e non mi rispondi è la cosa più odiosa di tutte".

MONTELLA SI DIFENDE A META'
Non manca la risposta dell'allenatore del Milan, che ovviamente non può negare il doppio, decisivo tocco di Bacca dal dischetto. Assolutamente involontario, è ovvio. Ma tale da rendere comunque nulla la trasformazione. Eppure il tecnico milanista fa notare a tutti che non era da fallo contro la sua squadra quell'esecuzione, ma semplicemente da ripetere: "Se ci fosse stata la moviola in campo, con due giocatori dentro l'area al momento del tiro, quel rigore si sarebbe dovuto fare ripetere", ha detto l'ex aeroplanino a fine partita. Tornando sull'arbitraggio e sulle proteste del Sassuolo, Montella nella conferenza stampa post partita ha ribadito i concetti espressi in diretta televisiva: "Credo che la faccenda sia ridicola. Alla fine il Milan non ha rubato nulla".
caricamento in corso...
caricamento in corso...