Belotti vale 100 milioni: rinnovo Torino al 2021 e clausola record

05 dicembre 2016 ore 11:11, Andrea De Angelis
Un rinnovo mai messo in discussione, ma con una clausola incredibile. Chi vorrà Belotti lo dovrà pagare 100 milioni. A tanto ammonta la cifra per rescindere il contratto con cui "il gallo" ha prolungato la sua storia con il Torino fino al 2021.

"Spero che nessuno arrivi a pagare una cifra del genere, perché vuol dire che me lo tengo stretto". Urbano Cairo spiega così il rinnovo del contratto del suo bomber, esploso quest'anno dopo una stagione comunque positiva, la prima in granata dopo il trasferimento dal Palermo. "Una clausola speciale, ad un valore molto importante, per metterla in modo tale che, se lo vogliono, devono strapagarlo", sottolinea il presidente del Torino in un video postato sul sito internet del club granata. "La mission del Toro - sottolinea Cairo - è quella di cercare di andare oltre i propri limiti continuando a sfornare giocatori di qualità".
Fino al 2021 dunque, quando avrà potuto disputare già un Mondiale e un Europeo. Anche in Nazionale Ventura si gode i due gemelli del goal, giovani e forti. Con tanta, tantissima fame di vittorie. Belotti e Immobile, due storie diverse eppure simili. Calcinate e Torre Annunziata. Bergamo e Napoli. Gli esordi con l'AlbinoLeffe e (anche se pochi lo sanno) la Juventus. Poi l'esplosione, a Palermo (in parte) di Belotti e a Pescara per Immobile. Anche se la consacrazione per entrambi, pur passando tre anni (23 anni il primo, ventisei il secondo) sta avvenendo proprio in questo inizio di stagione, con la maglia granata del Torino e quella biancoceleste della Lazio. 

Belotti vale 100 milioni: rinnovo Torino al 2021 e clausola record
Il Torino sta disputando un'ottima stagione e il merito è anche suo. Pensare che a Palermo non sempre era titolare, anche per la presenza di un certo Dybala. Ora i due si affronteranno nel derby di domenica ed è certo che sarà un incontro particolare. Dalla Sicilia al Piemonte, con i rosanero in piena zona retrocessione e un Zamparini sul punto di lasciare. Sembra una vita fa, invece non sono passati neanche due anni. 
La forza dell'Andrea nazionale, che compirà 23 anni il prossimo 20 dicembre, è nella sua capacità di andare in goal in tutti i modi. Come solo i grandi sanno fare. Di destro, sinistro, con un colpo di testa. Di potenza o rapina, poco importa: Belotti è sempre lì, si muove come pochi in area. Il fisico da centravanti, l'agilità di pochi colleghi di reparto. Si può considerare una sorta di ibrido tra Vieri e Inzaghi, due che hanno fatto la storia del calcio azzurro. Mihajlovic lo sa e se lo gode. All'estero nonostante la mega clausola continuano a seguirlo con grande attenzione...
caricamento in corso...
caricamento in corso...