Osteoporosi, come riconoscere i primi sintomi e evitare le fratture

20 ottobre 2017 ore 11:56, Micaela Del Monte
Oggi è la Giornata Mondiale dell'Osteoporosi, una malattia spesso sottovalutata e non curata in maniera adeguata. La prevenzione, come di consueto, è la cosa migliore da fare come sottolineato dagli esperti della Società Italiana dell'Osteoporosi del Metabolismo Minerale e delle Malattie dello Scheletro (SIOMMMS), che quest'anno pongono l'attenzione sulle fratture a cascata.

Osteoporosi, come riconoscere i primi sintomi e evitare le fratture
In Italia 3,5 milioni di donne e 1 milione di uomini, sono affetti da Osteoporosi. Questo è il quadro preoccupante che emerge dai più recenti dati OsMed (Osservatorio sull’impiego dei Medicinali) pubblicati dall’Aifa (Agenzia Italiana del Farmaco). Non solo, se si considerano i dati di uno studio europeo condotto nel 2013 su 27 stati, che ha evidenziato 465 mila fratture da fragilità ossea all’anno in Italia, la situazione si fa ancora più allarmante.

E proprio per questo motivo, la Giornata Mondiale contro l’Osteoporosi che ricorre oggi, venerdì 20 ottobre, quest’anno è dedicata alla sensibilizzazione sulle fratture da fragilità ossea. I costi sanitari per le fratture sono altissimi in Italia, rappresentano il 5% della spesa sanitaria totale. Costi che non dipendono solo dall’ospedalizzazione, ma anche da terapie, riabilitazioni e assistenza varia. Per incidenza dell’osteoporosi l’Italia è il secondo paese in Europa. Una malattia che colpisce prevalentemente la fascia d’età oltre i 50 anni e spesso si scopre di esserne affetti in seguito ad una frattura. Negli ultimi 10 anni il numero di fratture di femore da osteoporosi è cresciuto del 27% tra le donne italiane e del 36% tra gli uomini italiani: causa principale tra le donne il deficit di estrogeni dopo la menopausa, mentre nei maschi la maggior parte dei casi è dovuta a uso di farmaci, abuso di alcol e patologie.

SINTOMI

Nelle prime fasi dell’osteoporosi, di solito non si avverte né dolore né alcun altro sintomo, però una volta che la patologia ha indebolito le ossa potreste iniziare a soffrire dei segni e sintomi tipici della malattia, tra cui ricordiamo:

-Mal di schiena, anche intenso, provocato dalla frattura o dal collasso di una vertebra,
-Diminuzione della statura,
-Postura curva,
-Frattura delle vertebre, del polso, del femore o di altre ossa.

Spesso, l’osteoporosi viene detta “malattia silente” perché la perdita di osso non dà alcuna manifestazione. Un soggetto può non sapere di esserne affetto finché le ossa non diventano così fragili che una sollecitazione improvvisa, un salto o una caduta non causano la frattura di un’anca o il collasso di una vertebra.

COME PREVENIRE
I passi chiave che si dovrebbero perseguire a tutte le età per ottenere una valida prevenzione dell'osteoporosi possono essere così riassunti:

1. seguire una dieta bilanciata ricca di calcio e vitamina D
2. praticare esercizio fisico in relazione al peso corporeo
3. seguire stili di vita sani (senza alcol né fumo né droghe)
4. e, quando appropriato, eseguire esami per definire la densità minerale ossea ed eventualmente sottoporsi alle terapie del caso.
 
caricamento in corso...
caricamento in corso...