Diete del momento: scegli tra quella di 22 giorni, del gelato o della curcuma

01 giugno 2017 ore 10:33, Americo Mascarucci
La dieta dei 22 giorni, quella del gelato e quella con la curcuma. Tutti regimi alimentari che insegnano qualcosa del nostro corpo e che seguiti possono portare a perdere qualche kg e rappresentano oggi le diete del momento. Quella di 22 giorni è un'invenzione con percorso vegano di Marco Borges, Seguita da vip come Beyoncé e Jay-Z, si tratta di 3 settimane a base di quinoa, cereali e legumi con l’80% delle sostanze assunte mantenute tra carboidrati, il 10% proteine e il 10% grassi. A pranzo gli zuccheri semplici, i carboidrati, a cena le verdure e le proteine vegetali. 
Accettati tre pasti al giorno con annessa attività sportiva (almeno 30 minuti al giorno). 
Essenziale bere molta acqua, tè, ed è ammesso cioccolato fondente vegan, zucchero di canna, sciroppo di malto, latte vegetale e spezie. Il latte? Solo se vegan.
Diete del momento: scegli tra quella di 22 giorni, del gelato o della curcuma
La dieta del gelato contiene con un sol boccone zuccheri, proteine e grassi contenendo il latte. Da preferire i gusti alla frutta, leggeri e con meno calorie, ottimo i sorbetti. Un giorno sì e uno no integrare con le creme. 
Basta fare un pasto principale della giornata proprio con il gelato. Basta una sola settimana di regime per questo genere di dieta e 2-3 chili persi sono assicurati. Se vi piace e volete ripeterla, dovete necessariamente attendere un mesetto prima di ricominciare. 

Se vi piace la curcuma, è ottima per il metabolismo, cotta e mai cruda perchè velenosa altrimenti per l'intestino. La curcumina, secondo recenti studi, è il principi attivo della curcuma, e comporta benefici di tipo antinfiammatorio ed antibiotico. Inoltre la curcuma controlla l’appetito integrando l’azione della leptina, l’ormonedella sazietà che regola il nostro appetito, i nostri bisogni e anche il raggiungimento della soddisfazione. Fa bene poi all'umore perché contiene serotonina e dopamina che evitano la fame nervosa. 
Se volete iniziare questa dieta basta fare una colazione leggera, senza caffè, o tè o orzo e solo 100 ml di latte magro, 5 mandorle e un kiwi. Vanno bene anche le fette biscottate integrali. 
Frutta a metà giornata e a pranzo 70 grammi di spaghetti al pomodoro o una zuppa di lenticchie rosse (100 grammi) e curcuma. Nel pomeriggio basta uno e a cena proteine con curcuma, o pesce con patate e verdura. La curcuma la potete mettere anche in una tisana serale.

E poi c'è la dieta di Nicola Sorrentino, curatore del libro "Sirt. La dieta del gene magro" (Longanesi Editore)cxhe parte da questo principio: "Con il digiuno il corpo non riceve il necessario fabbisogno di nutrienti e quindi innesca una serie di cambiamenti sui normali processi di crescita, cercando di sopravvivere. I geni della magrezza preposti alla riparazione e al ringiovanimento delle cellule accelerano la loro attività, attingendo alle riserve di grasso e aumentando la resistenza alle malattie. Lo stesso obiettivo è possibile raggiungerlo senza ridursi alla fame, ovvero mangiando gli alimenti Sirt".

Ecco gli step: 

Fase 1: Prima settimana: - 3,2 chili. Nei primi tre giorni l’assunzione di calorie deve limitarsi a mille al giorno al massimo. Poi ricordarsi di bere tre succhi verdi e un pasto solido con i cibi Sirt. Dal giorno 4 al 7 le calorie giornaliere sono millecinquecento, i succhi diventano verdi e due i pasti solidi con cibi Sirt. Succhi sirt: cavolo riccio, rucola, prezzemolo, sedano, mela, limone, tè verde matcha. Il libro presenta anche molte ricette, dai gamberoni orientali saltati alle uova piccanti strapazzate, dalla pasta al salmone affumicato ai tartufi al cioccolato.

Fase 2: 14 giorni dio mantenimento per perdere ancora peso. Tre sono i pasti al giorno bilanciati e con alimenti Sirt. Un succo verde Sirt.

In cinque parole: 
1. È un regime alimentare volto a includere cibi più che a escluderli.
Niente digiuni massacranti.
2. È una dieta che attiva naturalmente il metabolismo,
senza faticose sedute in palestra.
3. È improbabile che si abbia fame seguendo la Dieta Sirt: i “cibi Sirt” contribuiscono a moderare l’appetito del cervello. Basta depressione e cattivo umore per perdere peso.
4. Il libro Sirt, la dieta del gene magro presenta cibi facilmente reperibili, economici e sani. Non indica l’acquisto di nessun integratore, nessuna pillola, nessun beverone sintetico di dubbia qualità. Basta spese inutili e onerose per dimagrire.
5. È più facile ed efficace di altri programmi alimentari: vino rosso, cioccolato fondente, olio extravergine, carne e pesce (se lo si desidera) sono solo alcuni alimenti Sirt che altre diete tendono a escludere. Il libro Sirt, la dieta del gene magro è pensato da esperti in medicina nutrizionale per combinare efficacemente questi cibi per poter perdere quasi 3,5 Kg in 7 giorni.
caricamento in corso...
caricamento in corso...