Lunedì da Siberia col temutissimo ciclone Sirte: 4 scenari di maltempo in Italia

16 dicembre 2016 ore 15:22, Micaela Del Monte
Arriva l'inverno vero e proprio e a portarlo sarà il ciclone Sirte. Saranno infatti gli ultimi giorni per l'alta pressione che aleggia sull'Italia e da lunedì 19 arriverà infatti dall’Africa il tanto temuto ciclone. Come riporta il sito ilMeteo.it la bassa pressione Nordafricana risalirà il Mediterraneo e raggiungerà le regioni meridionali. Per i primi giorni della prossima settimana si prevede maltempo intenso sulla Sardegna, poi Sicilia, Calabria, resto del Sud e regioni adriatiche con piogge intense, nubifragi e soprattutto la neve a bassissima quota.

"L’evoluzione è ancora da inquadrare completamente - spiega Antonio Sanò, direttore e fondatore de 'iLMeteo.it' - infatti, a seconda di come si sposterà il ciclone, alcune regioni potranno essere più colpite rispetto ad altre. A oggi vi è la possibilità che la neve arrivi fino in pianura al Nord e segnatamente su Piemonte ed Emilia occidentale, ma basta veramente poco perché anche le altre regioni vengano coinvolte oppure totalmente escluse. Il ciclone della Sirte ha forti potenzialità di far scatenare un'ondata di maltempo invernale su molte regioni italiane".

Lunedì da Siberia col temutissimo ciclone Sirte: 4 scenari di maltempo in Italia
Sempre come riferito dal sito tra il 20 e il 22 dicembre, quando il ciclone della Sirte probabilmente si posizionerà sul Centro Italia, arriverà neve su alcune regioni, anche in pianura. Nel corso della settimana di Natale, il ciclone richiamerà venti freddi orientali sull'Adriatico settentrionale, che faranno diminuire le temperature. Come detto il tempo peggiorerà già da lunedì 19 e martedì 20 a partire dalle isole maggiori, il Sud Italia e quindi tutto il Centro. Mercoledì 21, con il centro del ciclone sul Centro Italia, avremo condizioni di maltempo intenso su Toscana, Lazio, Umbria, Marche, Abruzzo con neve in Appennino sopra i 7/900 metri. La neve arriverà anche in Emilia Romagna, e fino in pianura tra la notte di mercoledì e poi tutto giovedì 22. Neve a Bologna, Reggio Emilia, Modena, Piacenza, Parma, mista lungo le coste. La neve cadrà anche in Piemonte, segnatamente sul Cuneese e potrebbe spingersi anche sul basso Veneto, segnatamente su Rodigino e Padovano meridionale. La principale incertezza di questa evoluzione è il posizionamento del centro depressionario, ossia del Ciclone della Sirte. A secondo di dove si muoverà, alcune regioni verranno interessate di più rispetto ad altre.

Il sito ilMeteo riporta anche i diversi scenari che possono verificarsi a seconda dello spostamento della bassa pressione, il tempo muterebbe su alcune regioni piuttosto che in altre. Qualora il ciclone stesse sui settori meridionali del Mediterraneo, allora il Sud Italia e localmente le regioni adriatiche vedrebbero precipitazioni. Se il ciclone si muovesse verso altri lidi, allora si verrebbero a creare due ipotesi.

1° POSSIBILITA' - Il ciclone sale verso il mar Tirreno. Con questa ipotesi, se prima erano le due isole maggiori ad avere forti piogge e nubifragi, ora anche tutto il Centro e il Sud verrebbero coinvolti dalle precipitazioni, ma non solo... I venti che soffieranno sul mare Adriatico si disporranno da Nordest e raggiungeranno, carichi di precipitazioni, anche l'Emilia Romagna dove la neve potrebbe cadere fino a quote pianeggianti su Piacentino, Parmense, Reggiano e Modenese, localmente anche sul Bolognese. Nevicate fino in pianura sarebbero attese anche sul Piemonte e Lombardia (Torino, Milano). Forti piogge invece interesserebbero tutto il Centro e il Sud, con rischio nubifragi lungo le coste, e intenso maltempo sulle Marche.

2° POSSIBILITA' - Una volta che il ciclone si è posizionato sul mar Tirreno potrebbe spostarsi verso il mare Adriatico, ossia in una sua normale evoluzione verso oriente, anche se la meno probabile. In questo caso, le precipitazioni raggiungerebbero anche il Nordest, specie il Veneto e ancora l'Emilia Romagna. Con questo spostamento però, il ciclone pescherebbe aria ancora più fredda dai settori orientali, per cui la neve cadrebbe copiosa sul Veneto e l'Emilia Romagna, anche in pianura.

3° POSSIBILITA' - L'aggiornamento di questa mattina ci mostra un'altra possibile evoluzione. Il ciclone sale verso la Sardegna e lì vi sosta per qualche giorno. In tal caso, le precipitazioni interesserebbero gran parte d'Italia, ma soprattutto il Centro-Nord, con neve sulle Alpi e Prealpi, ma anche su tutto il Piemonte e in Emilia fino in pianura.

4° POSSIBILITA' - Il ciclone rimane sui mari meridionali, ossia sul basso Tirreno per poi evolvere verso la Grecia. In questo caso le precipitazioni interesserebbero tutto il Sud, e le regioni adriatiche fino alla Romagna, con neve a quote prossime alla pianura su Romagna, Abruzzo, Marche e Molise e Gargano.
caricamento in corso...
caricamento in corso...