Incubo smog, polveri sottile alle stelle si punta sulla pioggia

03 febbraio 2017 ore 9:34, Andrea Barcariol
Incubo smog, polveri sottile alle stelle si punta sulla pioggia
Non accenna a diminuire l'allarme #smog in Italia. Anche ieri una giornata nera per le polveri sottili, che a Como Centro si sono attestate a 220 microgrammi per metro cubo, oltre 4 volte il limite consentito, che è di 50. Record negativo anche ad Arese, dove hanno sfiorato i 200 microgrammi per metro cubo. Da bollino nera anche Milano, con le centraline che hanno fatto registrare valori tripli rispetto alla soglia di legge stabilita dall'Ue che prevede un massimo di 35 sforamenti annuali. I dati, forniti da Arpa Lombardia, parlano chiaro ma c'è qualche spiraglio per i prossimi giorni per una moderata perturbazione atlantica, che porterà piogge diffuse e localmente moderate, oltre ad un modesto aumento della ventilazione a quote pianeggianti.

«Le politiche sull’inquinamento non possono che essere di lungo termine e quindi, nel frattempo, anche un po’ di pioggia fa bene. Il protocollo regionale va migliorato ma nel frattempo va attuato» - ha spiegato il sindaco di Milano e della Città metropolitana, Giuseppe Sala, commentando l’emergenza smog in città.
Secondo Mal’Aria di città 2016, il dossier annuale di Legambiente sull’inquinamento atmosferico e acustico nelle città italiane: delle 90 città monitorate dall’associazione ambientalista nella campagna "PM10 ti tengo d’occhio", nel 2015 ben 48 (il 53%), hanno superato il limite dei 35 giorni di sforamento consentiti di PM10. Le situazioni più critiche si sono registrate a Frosinone che guida anche quest’anno la classifica dei capoluoghi di provincia dove i giorni di superamento nel 2015 sono stati 115; seguita da Pavia con 114 giorni, Vicenza con 110, Milano con 101 e Torino con 99.


caricamento in corso...
caricamento in corso...