Sanremo 2017, Vessicchio c'è ma solo per una notte: "Senza di me addio presepe"

30 gennaio 2017 ore 11:20, Andrea Barcariol
Sanremo 2017, Vessicchio c'è ma solo per una notte: 'Senza di me addio presepe'
Il forfait di Beppe #Vessicchio al #Festival di #Sanremo non si può proprio dire sia passato inosservato. Appelli, petizioni e social mobilitati per l'assenza del direttore d'orchestra dalla celebre barba, uno dei volti istituzionali della kermesse canora. Sulla vicenda è tornato ieri sera lo stesso Vessicchio: «Quando Carlo Conti ha scoperto che non avrei seguito nessuna delle canzoni selezionate per la gara mi ha chiamato per dirmi che gli sarei mancato moltissimo, con Maria De Filippi lì sarebbe stato un po’ anche un presepe... comunque venerdì sera sarò lì». Il direttore d’orchestra è stato ospite di Fabio Fazio su Rai Tre a "Che Tempo che fa" per parlare della sua autobiografia, “La musica fa crescere i pomodori”, scritta con Angelo Carotenuto e in uscita il 2 febbraio su Rizzoli: «Avevo letto di un esperimento sulla reazione delle vacche del Wisconsin alla musica, io ho una passione per la terra e so che le piante hanno una vita segreta, allora ho provato e dopo studi notturni ho scoperto che reagivano fortemente ad alcuni tipi di musica, Mozart in particolare. E dopo la sperimentazione ora ci sono 10 agricoltori in Salento con noi».

Vessicchio ha detto no anche al ruolo di opinionista che gli era stato proposto da alcuni programmi televisivi dopo il dilagare delle proteste sui social networl con tanto di hashtag tra i trend topic: «Non fa per me, io sono un animale mitologico: metà uomo, metà orchestra - ha scherzato il maestro - A mancarmi non saranno tanto le canzoni e la direzione dell’orchestra. Più che altro mi mancherà la ritualità. Sanremo è come una festa comandata: c’è Natale, Capodanno, la Befana. E poi il festival. Sentirò anche la mancanza dello stare insieme ad amici che vedo una sola volta l’anno».

caricamento in corso...
caricamento in corso...