Caldo record, allarme da bollino rosso in 16 città: come difendersi

31 luglio 2017 ore 17:59, Stefano Ursi
Sarà una due giorni di caldo 'infernale' sull'Italia, per via dell'ondata di calore più forte finora registrata, denominata Lucifero. Le temperature toccheranno picchi fino a 40° e il caldo la farà da padrone. Ad infiammarsi sarà praticamente tutta la penisola, nessun quadrante escluso. Sarà un crescendo, si partirà domani con Roma, Frosinone, Pescara e Campobasso, e poi mercoledì faranno il loro ingresso fra le città con bollino rosso Bari, Bologna, Bolzano, Brescia, Cagliari, Firenze, Latina, Milano, Napoli, Perugia, Rieti e Viterbo. Il bollino, lo ricordiamo, è assegnato dal Ministero della Salute tramite il Sistema nazionale di previsione allarme ondate di calore, che permette la previsione, sorveglianza e prevenzione degli effetti delle ondate di calore sulla salute.

Caldo record, allarme da bollino rosso in 16 città: come difendersi
Il sistema è dislocato in 27 città italiane (Ancona, Bari, Bologna, Bolzano, Brescia, Cagliari, Campobasso, Catania, Civitavecchia, Firenze, Frosinone, Genova, Latina, Messina, Milano, Napoli, Palermo, Perugia, Pescara, Reggio Calabria, Rieti, Roma, Torino, Trieste, Venezia, Verona, Viterbo) e consente di individuare, giornalmente, per ogni specifica area urbana, le condizioni meteo-climatiche a rischio per la salute, soprattutto dei soggetti vulnerabili (anziani, malati cronici, bambini, donne in gravidanza). In queste giornate, spiega da sempre il Ministero della Salute è opportuno, specialmente per le categorie a rischio come bambini, anziani e persone con patologie croniche, attenersi ad alcune raccomandazioni fondamentali per non rimanere vittime del caldo infernale che si genera dalle ondate come quella che sta investendo l'Italia.

Fra le quali uscire di casa nelle ore meno calde e dunque non fra le 11 e le 18. Indossare sempre un abbigliamento leggero e comodo. Non lasciare mai persone o animali nella macchina parcheggiata al sole. Bere molti liquidi, almeno due litri di acqua al giorno, e mangiare molta frutta e verdura. Evitare gli alcolici. Attenzione alla corretta conservazione dei farmaci. E soprattutto se si è da soli in casa e ci si sente male chiedere aiuto a conoscenti e vicini di casa. E tenere a portata di mano una lista di numeri di telefono di persone da contattare in caso di necessità fra cui ambulatorio medico, guardia medica e 118.

#caldo #lucifero #ondata #bollinorosso
autore / Stefano Ursi
caricamento in corso...
caricamento in corso...