Malaria a Taranto, Tonelli attacca: "Migranti controllati in pochi secondi"

04 ottobre 2017 ore 11:52, Andrea Barcariol
A Taranto sotto osservazione quattro extracomunitari ricoverati nelle ultime ore presso il reparto di Malattie infettive dell’ospedale Moscati. Fra le ipotesi, si sospetta che possano aver contratto la malaria. Il ricovero si è reso necessario a seguito di alcuni sintomi da loro manifestati e sui quali i medici stanno facendo ulteriori approfondimenti.

Malaria a Taranto, Tonelli attacca: 'Migranti controllati in pochi secondi'
Una vicenda sottolineata da Gianni Tonelli, Segretario Generale del Sindacato Autonomo di Polizia (Sap): «Non mi stupisce che proprio a Taranto, città incredibilmente impegnata negli ultimi anni con l’emergenza sbarchi, vi siano sospetti su possibili casi di malaria. In Italia, contemporaneamente alla crescente ondata di sbarchi di migranti, sono apparse malattie debellate 70 anni fa. Non è ovviamente colpa di questa povera gente, ma del fatto che nel nostro Paese i controlli sono sommari e non esiste un’efficace cintura sanitaria. Questo lo dimostra il fatto che durante gli sbarchi, i casi accertati di malattie altamente infettive non sono stati mai resi noti, se non sulla pelle degli addetti ai lavori che hanno contratto malattie come scabbia e tbc».

Nel 2014 Tonelli denunciò con interventi pubblici le modalità in base alle quali gli immigrati venivano sottoposti a monitoraggio sanitario. «Sono stato in tantissimi luoghi di sbarco: Sicilia, Calabria, Puglia. Un medico sale sulle navi o li accoglie nei porti, ed effettua un controllo sommario, quasi esclusivamente visivo. Un controllo che dura pochi secondi come abbiamo filmato, dal quale emerge semplicemente l’essere affetti da una malattia che provoca segni visibili, come scabbia o lebbra. Se un migrante è affetto da tbc, hiv, ebola o malaria, non lo si può sapere senza controlli strumentali approfonditi, che di fatto, non avvengono». Poi l'appello finale: «Servirebbero misure sanitarie e controlli maggiori, per volontari, addetti ai lavori e operatori di Polizia che, ad oggi, sono dotati solo di una mascherina anti alito che non serve a nulla se non ad illudersi».

#tonelli #sap #malaria #taranto
caricamento in corso...
caricamento in corso...