Polveri sottili: Torino "capitale" dello smog, le contromisure

09 dicembre 2016 ore 9:27, Adriano Scianca
Le città italiane sono fuorilegge. Almeno per quanto riguarda l'inquinamento. Significa che sono oltre la soglia limite per le polveri sottili Pm10 (35 giorni di sforamenti all'anno con una concentrazione superiore ai 50 micorgrammi per metrocubo). Le prime cinque, secondo i dati di Legambiente aggiornati al 6 dicembre, sono: Torino con 62 giorni di sforamento, Frosinone con 59 giorni, Venezia con 53, Milano con 52 e Padova con 50.  

Polveri sottili: Torino 'capitale' dello smog, le contromisure

Ma oltre i limiti ci sono anche Mantova (45), Padova (45), Treviso (44), Vicenza (43). Una situazione che ha fatto scattare le prime eco-misure in diversi Comuni, come la circolazione ridotta o vietata in determinate fasce e le targhe alterne, da Torino a Milano a Napoli. “Le cause dello smog sono note e le soluzioni ci sono - osserva la presidente di Legambiente Rossella Muroni - occorre una volontà politica forte per metterle in campo. Tra l'altro i numeri sull'emergenza rischiano di aumentare nei mesi invernali. Uno dei nodi principali da affrontare è il trasporto a livello urbano ed extra urbano. Bisogna poi uscire dalla dipendenza dei combustibili fossili, puntando su fonti rinnovabili; e investire nella riqualificazione energetica degli edifici, garantendo così una riduzione nelle emissioni dagli impianti di riscaldamento domestici”. Nei mesi invernali, poi, la situazione peggiora per colpa anche del mix tra traffico e riscaldamento. 
caricamento in corso...
caricamento in corso...