Terrorismo e voto, CasaPound: "Su Le Pen tante bufale, se vince cambia questa Francia"

21 aprile 2017 ore 15:09, intelligo
di Stefano Ursi

Dietro l'ultimo attacco di ieri sera agli Champs Elysées a Parigi nel corso del quale un poliziotto è caduto sotto i colpi di arma da fuoco di un terrorista poi ucciso da altri agenti, sta circolando una trama che per la verità assomiglierebbe molto ad una fake-news. Secondo alcuni analisti l'attacco sarebbe stato compiuto a tre giorni dal voto per favorire la vittoria di Marine Le Pen. L'Isis infatti punterebbe sul successo dell'estrema destra per destabilizzare il quadro politico francese scatenando soprattutto la rivolta nelle banlieue dove è forte la presenza degli immigrati. Una chiave di lettura che sembrerebbe invece orientata a penalizzare più che a favorire l'ascesa della Le Pen. Ma quanto può essere davvero credibile un'ipotesi simile?
Intelligonews lo ha chiesto a Simone Di Stefano, vicepresidente di CasaPound.
Terrorismo e voto, CasaPound: 'Su Le Pen tante bufale, se vince cambia questa Francia'

E' credibile l'ipotesi che sta circolando in queste ore, ossia che l'Isis punti alla vittoria della Le Pen per far precipitare la Francia nel caos con una violenta rivolta delle Banlieue?

''Penso che sia una sciocchezza gigantesca, perché vorrebbe dire che i francesi hanno dimenticato completamente Nizza, il Bataclan, il prete sgozzato e tutte le altre atrocità che abbiamo visto in questi mesi e che si sono svegliati con l'attentato di ieri  dicendo che c'è un'invasione in atto da parte di migliaia di persone che ci ammazzano in mezzo alla strada. Era così anche quarantotto ore fa e sarà così anche dopo che la Le Pen prenderà i voti. Dubito fortemente che questo sposti di un solo voto le convinzioni di chi aveva già ampiamente deciso di votare Le Pen. Ritengo altrettanto assurdo ritenere che Isis stia pianificando una strategia per far vincere Le Pen e far esplodere le banlieue, visto che queste sono esplose da tempo ormai e ogni due per tre attaccano la polizia o danno fuoco alle auto. La situazione è già completamente fuori controllo. Isis non è che debba fare altro. Certo, se arriverà la Le Pen certi personaggi li vedremo tornare in patria dove potranno imbracciare un fucile e combattere nel deserto. Lei ha parlato anche di revisione del concetto di nazionalità, di cui noi parliamo da tempo, per cui chi è immigrato di seconda generazione, ha la doppia nazionalità e si macchierà di reati di terrorismo se la vedrà togliere così da rispedirlo nel Paese da dove provenivano i suoi genitori''.

Dunque non ci guadagnerebbe nessuno a livello elettorale?

''Nessuno. Ripeto la situazione ormai è deteriorata, perché quando hai attentati come quello di ieri sera e altri in cui il numero di vittime è stato molto alto, la gente è più che abituata. Non spostano politicamente nulla questi eventi. E anche qualora fossero stati messi in atto per spostare voti, non ci riusciranno, come ha dimostrato l'uccisione della Cox prima della Brexit'.

Il direttore di Intelligonews Fabio Torriero nel suo editoriale ha evidenziato come, qualunque sarà l'esito del voto al primo turno o al ballottaggio, sarà comunque maggioritario il consenso anti Ue. E' d'accordo? 

''Il sentimento anti-UE cresce e continuerà a crescere, non solo per le politiche sull' immigrazione ma anche perché l'Europa ha fallito i suoi compiti.  Non c'è futuro per noi italiani e per il resto dei cittadini europei dentro la Ue. C'è chi l'anti-europeismo intende solo cavalcarlo e chi invece ci crede veramente e si muoverà in tale direzione come sono certo farà Marine Le Pen dopo aver vinto le presidenziali francesi''.

autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...