Tutti sotto influenza: oltre il picco di Natale, il peggio deve ancora arrivare

27 dicembre 2016 ore 15:49, intelligo
Influenza ben arrivata e rimarrà con noi oltre Natale. E' solo il picco quello che stiamo vivendo ma l'abbassamento della temperatura non molla e il virus nemmeno. Mentre un milione gli italiani sono già a letto in questi giorni con l'Iss che dà gli influenzati da 0-4 anni  con un’incidenza pari a 4, 99 casi, in quella tra i 5 e i 14 anni a 2,13 casi e tra i 15 e i 64 anni a 1, 02 casi. Tra gli individui di 65 anni e oltre è a 0, 53 casi per mille assistiti. 
QUANTO DURERA': Questo picco non si è spento col Natale, ma è previsto che prosegua per metà gennaio almeno, colpa delle previsioni del tempo che prevedono un calo delle temperature e del contagio, che è molto facile. L’influenza attuale è legata a un virus (in molti casi si tratta di adeno-virus e dei virus Hong Kong e Brisbane) molto aggressiva, è capace di durare anche per un mese almeno. 
Colpa della mutazione di due dei tre virus che hanno colpito questo inverno (gli ultimi due citati). 
Tutti sotto influenza: oltre il picco di Natale, il peggio deve ancora arrivare
CAOS 118: Centralino del 118 intasati. Da Chiavari, Tigullio e oltre la guardia medica tra sabato e ieri ha dovuto gestire una'emergenza composta da centinaia di adulti con l'influenza: sia l'australiana che la cinese. Ci sono casi di gastroenteriti provocate da virus correlati che spesso si risolvono rapidamente come avverte il Secolo XIX.  I sintomi sono: febbre alta, tosse profonda, ma anche vomito e diarrea. Bastano pochi giorni perchè questa forma influenzale passi. 

CHI RISCHIA:  I bambini e le persone anziane, oltre i 65 anni di età, ma anche i malati cronici e le donne incinte al secondo e terzo trimestre di gravidanza. 

COSA FARE: Evitare di sudare, evitare il contatto con ammalati in luoghi chiusi non arieggiati. No al riscaldamento casalingo eccessivo per evitare sbalzi bruschi. Svolgere attività fisica. Evitare i luoghi affollati. E poi l’alimentazione: evitare per quanto possibile le abbuffate di fine anno, gli ambienti affollati e chiusi; niente fumo eccessivo, niente strapazzi, privilegiare frutta e verdura.

ALLARME ANTIBIOTICI: Come da allarme di Antonino Bella, responsabile della sorveglianza Influet coordinata dal Ministero della Salute, non vanno utilizzati in maniera inappropriata gli antibiotici: «Non servono a nulla e sono anzi controproducenti perché aumentano il rischio di sviluppare resistenza qualora invece si contragga un’infezione batterica grave".
autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...