Non solo l'ultimo saluto di Nolan alla mamma: i loro dialoghi su Facebook

28 aprile 2017 ore 12:55, Micaela Del Monte
Una storia tragica raccontata da una mamma tanto forte quanto straziata dal dolore, la storia del piccolo Nolan morto a 4 anni a causa di un tumore raro diagnosticatogli lo scorso anno. Il piccolo è morto il 1 febbrario dopo diversi mesi di lotta contro quel rabdomiosarcoma alveolare metastatico che gli ha portato prima il sorriso e poi la vita. Ed è proprio per raccontare l'incredibile forza del piccolo Nolan che sua madre Ruth ha aperto una pagina Facebook chiamata "Nolan Strong" in cui ha descritto gli ultimi mesi di vita di suo figlio. "Sono passati due mesi da quando ti tenevo stretto fra le mie braccia - scrive Ruth -, mi dicevi che mi volevi bene e io baciavo le tue labbra. Due mesi da quando stavamo rannicchiati. Due mesi di puro, assoluto inferno".

Non solo l'ultimo saluto di Nolan alla mamma: i loro dialoghi su Facebook
RACCOLTA FONDI
- Come riporta il Corriere della Sera Ruth ha voluto mostrare quanto Nolan "fosse straordinario, bello, fatto di puro amore. Può essere un racconto lungo, ma vi chiedo di soffrire con me in questa agonia che non ha pari"
Quando ha portato l'ultima volta il figlio in ospedale perché non mangiava, non beveva e continuava a vomitare, ha preso la parola l'oncologa ma i suoi occhi mostravano un dolore assoluto: "era sempre stata sincera con noi. L’ultima Tac mostrava grandi masse tumorali crescere e premere contro i polmoni e il cuore, dopo solo 4 settimane dall’intervento chirurgico"."L’oncologa ha detto che il cancro si stava diffondendo rapidamente e che non rispondeva più ad alcuna terapia. L’unica possibilità era quella di confortarlo e stargli vicino". Qui l'avvio di una raccolta fondi per sostenere la ricerca sui tumori infantili. Nolan ha voluto organizzare il suo funerale insieme alla sua mamma, perché era consapevole di ciò che stava passando.

PAGINA FACEBOOK - Nella pagina dedicata al piccolo compare anche uno degli ultimi dialoghi avuti con il figlio. Nolan non riesce a respirare ma dice di voler continuare a combattere per la mamma. Lei consola il figlio dicendo che non può più proteggerlo, "l'unico modo per tenerti al sicuro è in cielo", dice la donna. Così Nolan risponde convinto: "Allora andrò in Paradiso a giocare fino a quando non mi raggiungerai! Verrai, giusto?".

IL DIALOGO CON LA MADRE: 
In un lungo post Ruth riporta l’ultima conservazione avuta con il figlio:
"Tesoro, ti fa male respirare, non è vero?"
"Beh… sì"
"Provi tanto dolore, non è vero piccolo?"
"Sì"
"Tesoro, questo cancro fa schifo. Non devi più combattere"
"Non devo? Ma lo farò per te mamma!"
"No tesoro! È questo quello che hai fatto fino ad ora? Hai combattuto per la mamma?"
"Certo!"
"Nolan Ray, qual è il compito della mamma?"
"Proteggermi!"
"Tesoro… non posso farlo più qui. L’unico modo per tenerti al sicuro è in cielo"
"Allora andrò in Paradiso a giocare fino a quando non mi raggiungerai! Verrai, giusto?"
"Assolutamente! Non puoi sbarazzarti della mamma così facilmente!"
"Grazie mamma! Andrò a giocare con Hunter, Brylee e Henry!".

LE ULTIME PAROLE - Poi Ruth parla di un "miracolo che non dimenticherò mai". Era andata a fare la doccia, il bimbo era rimasto con lo zio. Dopo essere caduto in un sonno profondo Nolan ha aperto gli occhi, ha guardato la madre e le ha detto di volerle bene. Queste sono state le sue ultime parole.
caricamento in corso...
caricamento in corso...