Dopo il boom, il Guardian fa la guerra al Prosecco: "Rovina i denti"

30 agosto 2017 ore 23:59, Andrea Barcariol
Attacco al Prosecco dalla Gran Bretagna. Su alcuni giornali inglese, infatti, sono stati riportati pareri piuttosto vaghi di "esperti" che ne sconsigliano l'utilizzo per la sua elevata acidità. A lanciare l'ennesima crociata anglosassone contro prodotti made in Italy è stato il Mail online, che ha raccolto le dichiarazioni di alcuni dentisti, seguito a ruota dal Daily Mail e dal Guardian che ha ricordato come il vino frizzante sia diffusissimo nel Regno (se ne bevono 40 milioni di litri ogni anno).

Dopo il boom, il Guardian fa la guerra al Prosecco: 'Rovina i denti'
Il quotidiano arriva a elencare le ragioni per "evitare il Prosecco" partendo proprio dalla necessità di preservare il proprio sorriso. Parole che hanno indignato il portale italiano Londra Italia, secondo cui si tratta di una "fake news" promossa dalla lobby britannica della birra.
Nel Regno Unito non sono nuovi a stravaganti battaglie salutiste, come quella delle etichette a semaforo , ma adesso l'attacco sul Prosecco sfiora il comico. Sul Mail online alcuni dentisti tra cui Damien Walmsley, consulente scientifico della British Dental Association, puntano il dito contro il Prosecco per la presenza di anidride carbonica la cui azione, unita a quella dell'alcol e degli zuccheri aumenterebbe "sensibilità e il rischio di corrosione".

L'INTERVENTO POLITICO
Sulla questione sono intervenuti anche i politici delle regioni interessate: "Credo che in Gran Bretagna dopo la Brexit ci sia bisogno di aiutare i cittadini a tornare a sorridere: assunto a dosi moderate, il nostro Prosecco fa miracoli", ha scherzato la presidente del Friuli Venezia Giulia, Debora Serracchiani, mentre il governatore del Veneto Luca Zaia liquida tutto come assurdità, aggiungendo con orgoglio che in successo di vendite e apprezzamento ormai il Prosecco non invidia nemmeno lo Champagne.
Anche il ministro delle Politiche Agricole Maurizio Martina non ha fatto attendere reazioni, indirizzando un tweet al giornale d'oltremanica: "Caro Guardian, dì la verità: il Prosecco fa sorridere anche gli inglesi! Stop fake news grazie". Dura anche la Coldiretti: "Con la Brexit si rafforza lo spirito protezionista. Si tratta di un tentativo maldestro per screditare il Prosecco dopo che la Gran Bretagna è diventata nel 2016 il primo mercato mondiale di sbocco dello spumante italiano con le bottiglie esportate che hanno fatto registrare un aumento record del 33% per un valore di 366 milioni di euro mai registrato prima". Non solo. "In Gran Bretagna – sottolinea la Coldiretti - sono state spedite il 30% delle bottiglie esportate, in pratica quasi 1 su 3. Una dimostrazione dell’apprezzamento conquistato dalle bollicine italiane anche per l’ottimo rapporto prezzo qualità che ora si cerca di frenare con stravaganti menzogne".

#prosecco #granbretagna #denti
 

 
caricamento in corso...
caricamento in corso...