Banca Carige: nuovo Cda, con Malacalza è già svolta in Borsa e messaggio alla Bce

01 aprile 2016 ore 14:45, Luca Lippi
L’istituto genovese è stato al centro delle cronache degli ultimi giorni a causa di una sollecitazione da parte della Bce di affettuare un aumento di capitale con lo scopo di diluire i crediti deteriorati che appesantiscono lo stato patrimoniale dei conti di Banca Carige.

Il consiglio di amministrazione ha deciso che l’istituto non ha alcun bisogno di un aumento di capitale e nel contesto della discussione, l’avvocato Vincenzo Mariconda in rappresentanza di Malacalza ha vibratamente difeso il suo assistito circa un interessamento di
Banca Carige: nuovo Cda, con Malacalza è già svolta in Borsa e messaggio alla Bce
della finanziaria Apollo sulla gestione del carico dei crediti deteriorati di Banca Carige. 
Ovviamente l’avvocato ha sottolineato l’infondatezza di alcune indiscrezioni e soprattutto la inopportunità (scagionando e spazzando via ogni ipotesi) che la Bce dia indicazioni precise circa le procedure da seguire, indicando soggetti preposti e adeguati, allo svolgimento di presunte procedure di risanamento.
Il bilancio dell'istituto genovese, per il quarto anno consecutivo, si è chiuso in perdita, senza profitto e remunerazione per gli azionisti. Inoltre, le nuove richieste arrivate da Francoforte impattano su una banca che già non aveva superato gli stress test dell'autunno 2014, ovvero l’esame triennale sulla resistenza degli istituti di credito a fronte di uno scenario di base (le previsioni economiche formulate dalla Commissione Europea) e in condizioni estremamente negative.
Carige è già corsa ai ripari due volte, chiedendo ai soci aumenti di capitale corrispondenti in tutto a 1,65 miliardi di euro. Sul suo futuro, oltre ai rilievi della Bce, pesano poi alcune scadenze (1,18 miliardi di covered bond e 423 milioni di prestiti subordinati), da pagare agli obbligazionisti. Il nuovo cda afferma che sarà tutto rispettato e che non c’è bisogno di nessun nuovo aumento di capitale allo stato dell’arte attuale. Quindi tranquillizzati gli azionisti e i clienti, l’istituto è pronto ad avviare un nuovo corso.

autore / Luca Lippi
Luca Lippi
caricamento in corso...
caricamento in corso...