Spalletti, la conferenza stampa non dà alibi: "Contano il lavoro e la testa" e su Sadiq...

01 febbraio 2016 ore 16:39, Micaela Del Monte
La cura di Luciano Spalletti sembra cominciare ad avere i suoi effetti, ma non sul fisico dei giocatori. Nonostante infatti la Roma sia tornata alla vittoria contro il Frosinone ieri sera a livello di rosa i giallorossi continuano ad essere in difficoltà. Il mercato sembra ormai concluso per la Roma, ma i giocatori continuano ad infortunarsi portando non pochi problemi al tecnico toscano.

Gli ultimi due in ordine cronologico sono i due attaccanti giallorossi, Dzeko (problema ad un polpaccio) e Francesco Totti (problema al gluteo), mancanze che risultano un vero e proprio problema per la formazione che Spalletti dovrà mettere in campo domani sera contro il Sassuolo. Dei due giocatori il tecnico ha parlato anche oggi in conferenza stampa“Su queste situazioni bisogna essere bravi e saperle gestire. Dzeko non sarà della partita: ha preso una contusione forte e sarebbe rischioso utilizzarlo. Maicon ha un problema che va gestito e non vanno fatti uscire peggioramenti. Oggi si è aggiunto il dolore di Francesco Totti sul gluteo ma non so dire di più. È una valutazione che si sta facendo in questo momento. Spero che stringa i denti come ci ha abituato a fare. È dovuto uscire per questo dolore abbastanza acuto prima dell’allenamento. In questo caso serve un buon lavoro dei medici”.

La domanda seguente è stata assolutamente prevedibile: chi verrà schierato in avanti contro il club emiliano? "Abbiamo Sadiq che è una prima punta. Non ha grandissima tecnica ma sa sbucare benissimo dietro la linea difensiva. Ha un estro dentro il contesto reale di assoluta qualità. Tecnicamente può lasciare perplesso, ma messo dentro una situazione reale se la cava benissimo. Ha personalità ed è una ragazzo con delle qualità”.

Spalletti, la conferenza stampa non dà alibi: 'Contano il lavoro e la testa' e su Sadiq...
Insomma, almeno per l'attacco la soluzione sembra esserci. I problemi seri però si riscontrano in difesa a causa della mancanza per squalifica di Manolas, gli infortuni di Torosidis, Digne e Florenzi e l'instabilità di Maicon. Linea arretrata completamente da ridisegnare quindi e anche in questo caso sembra che i due ultimi arrivati in casa giallorossa, ovvero El Shaarawy e Zukanovic, dovranno essere impegnati senza se e senza ma. Insomma sarà una Roma d'emergenza quella che affronterà gli emiliani. Ma quale sarà la probabile formazione scelta da Spalletti? L'ultimo acquisto Perotti dovrebbe andare inizialmente in panchina e il vero dubbio riguarda lo schieramento: ancora 3-4-2-1 oppure un ritorno al 4-3-3? Szczesny giocherà tra i pali, in difesa dovremmo vedere De Rossi con Rudiger, mentre sulle corsie esterne agiranno Maicon e Zukanovic. Non ci sono dubbi sul fatto che Pjanic sarà il regista, l'uomo chiamato a fare la differenza, supportato da Nainggolan e Vainqueur. In attacco non mancherà El Shaarawy, già a segno nella sua prima partita con la Roma. Nella probabile formazione giallorossa spazio ancora a Salah e al giovane Sadiq, che sarà impiegato nel ruolo di centravanti.

Ma Spalletti non ha voluto dare alcun alibi alla sua squadra: "La prestazione è importante per arrivare al risultato, ma occorre lavorare in un certo modo durante la settimana per arrivare ai risultati. Serve esserci con la testa, soprattutto in un ambiente come questo. O si è concentrati e decisi per i nostri obiettivi, altrimenti quando giochi nella Roma non hai alternative. E sono convinto che poi tramite lavoro e prestazione si possa arrivare lontano".

Il tecnico giallorosso ha poi svelato un piccolo aneddoto sul suo ritorno a Roma e sul modo in cui ha approcciato con i suoi ragazzi: "Prima di una riunione chiesi a tutti i calciatori di scrivermi la loro formazione ideale, ma ne hanno scritti solo undici seppur diversi. Ora non voglio lamentele... - ha svelato Spalletti, relativamente al presunto malumore di qualche escluso - E' il mio ruolo, loro farebbero come faccio io e quindi mi hanno dato la regola. Hanno usato moduli e giocatori diversi, ciò vuol dire che bisogna interpretare più schemi e che posso scegliere solo 11 giocatori e non tutti possono giocare".
caricamento in corso...
caricamento in corso...