Legittima difesa, ci prova anche Idv: 1milione di firme per la nuova legge

01 giugno 2016 ore 21:34, Micaela Del Monte
"E' il disegno di legge di iniziativa popolare più firmato nella storia della Repubblica". 
Il segretario nazionale dell'Italia dei Valori, Ignazio Messina, ha portato, insieme a decine di esponenti politici e istituzionali del partito, un milione e duecentomila firme certificate in piazza Montecitorio. 
Firme raccolte in sostegno alla proposta di legge di iniziativa popolare per rinforzare la legittima difesa.
Le richieste contenute nella proposta di legge popolare prevedono il raddoppio delle pene per la violazione del domicilio, la possibilità per chi è in casa di difendersi come può, anche con l'uso di armi, e lo stop ai risarcimenti che in alcuni casi i cittadini hanno dovuto pagare nei confronti dei ladri. 
Naturalmente il nodo cruciale sta nel superamento del reato di eccesso colposo di legittima difesa quello che il più delle volte porta sotto inchiesta le persone che per difendersi hanno magari sparato al ladro, scoprendo soltanto dopo che non era armato.
In sostanza viene stabilito il principio in base al quale se un soggetto si introduce all'interno di una proprietà privata per rubare e finisce ucciso o ferito dalla legittima difesa del proprietario, non può accampare alcun diritto nel caso in cui sia rimasto ferito, né possono accamparlo i suoi familiari nel caso restasse ucciso. 
In tutta Italia l'adesione è stata massiccia.
"Si tratta della prima raccolta nella storia della Repubblica italiana ad avere ottenuto cosi' tante sottoscrizioni - spiega Messina - la proposta di legge popolare sarà quindi depositata in Senato. Noi riteniamo che l'inviolabilità delle nostre case sia un principio irrinunciabile e da difendere con fermezza. Diciamo no alla giustizia 'fai da te', ma i cittadini onesti devono essere più tutelati". 
L'obiettivo, secondo Idv, deve essere quello di "poter difendere i propri beni una volta subita una violazione del proprio domicilio, del proprio negozio, della propria abitazione. Per questo abbiamo deciso di depositare in Cassazione una proposta che prevede pene più severe per la violazione di domicilio, potenziando le possibilità di legittima difesa.Chi viola la nostra casa deve essere punito severamente, e ai cittadini onesti va data la possibilità di tutelarsi".

Legittima difesa, ci prova anche Idv: 1milione di firme per la nuova legge
In tema di legittima difesa è aperto il dibattito in Parlamento ma non c'è accordo né dentro, né fuori la maggioranza. Il Pd è favorevole a rivedere le norme sulla legittima difesa introducendo maggiori attenuanti per il padrone di casa che per difendersi spara, ferisce o uccide il ladro ma senza concedere loro l'impunità totale come chiede ad esempio la Lega. Mentre dal Nuovo centrodestra è stata avanzata la proposta di inserire nuove fattispecie che vadano a delineare meglio l'ambito della legittima difesa, riconoscendo ad esempio discriminanti a chi spara e uccide uin ladro o un rapinatore avendo in casa figli minorenni.
La discussione è dunque aperta.
caricamento in corso...
caricamento in corso...