Fao, World Milk Day anti-bufale sul latte: ricco di calcio e altri falsi miti

01 giugno 2017 ore 22:23, Andrea Barcariol
Bere latte, non solo ai bambini fa bene. Ma nel tempo la confusione è stata tanta, tra bufale e miti da sfatare il prodotto delle mucche è diventato il prodotto più bistrattato. Contro i pregiudizi la Fao ha dedicato una giornata mondiale, oggi primo giugno, perché lo ha definito "alimento globale". Il latte è importante anche per una corretta alimentazione, tuttavia esistono delle bufale o meglio dei falsi miti che lo riguardano da sfatare e da conoscere bene per riuscire a prendere da questo prodotto eccezionale un apporto salutare. 

I FALSI MITI DA SFATARE secondo il World Milk Day:
- Il latte fa bene a tutti. Non è proprio vero, dal momento che c'è chi è allergico o intollerante al lattosio. 
- Il latte fa bene alle ossa. Non in tutti i casi, perché talvolta l'eccessivo consumo di proteine animali provoca acidosi metabolica. 
- Il latte fresco è migliore di quello a lunga conservazione. I nutrienti sono gli stessi, a cambiare è il sapore. 
- Non bevo latte perché sono intollerante. Non sempre è così, talvolta si fatica solo a digerirlo, bisogna eseguire i test necessari per averne la certezza. 
- Il latte è ricco di calcio. Ma ci sono anche altri alimenti che lo sono come il sesamo, il cavolo, i semi di lino e la quinoa. 
- Il latte è ricco di vitamine e sali minerali. Lo sono anche altri alimenti, come arachidi e soia.

BENEFICI: Formaggi e latticini non fanno male se bevuti in giuste quantità, anzi potrebbero avere un ruolo importante nel contrasto all'accumulo di grassi e all'ingrassamento. Andando controcorrente rispetto a quanto oggi generalmente rilevato, secondo uno studio dell'Università di Scienze e Tecnologia di Qingdao, in Cina pubblicato su Annals of Epidemiology il latte, in particolare, avrebbe un ruolo fondamentale nel contrasto all'obesità di bambini e adulti. Non si è trattato di uno studio vero e proprio su volontari ma di un procedimento di revisione di trenta studi effettuati in passato sul ruolo dei latticini e del latte sul rischio di obesità: secondo lo studio, addirittura, 200 grammi di latte al giorno, una dose che equivale più o meno ad una tazza, potrebbe aiutare a ridurre il rischio di l'obesità del 16%. 

Fao, World Milk Day anti-bufale sul latte: ricco di calcio e altri falsi miti
 SUL NODO "GRASSO": Il problema dell'obesità, ruolo o meno dei latticini, rimane; alcuni studi presentati nell'anno in corso, infatti, hanno ricordato che tra qualche anno le persone in sovrappeso saranno più di quelle sottopeso. Oggi un adulto su otto è obeso, pari al doppio rispetto al 1975 ed entro il 2025 gli obesi potrebbero essere uno ogni cinque. In totale, adesso, l'obesità colpisce il 13% della popolazione mondiale. Pesa dunque la quantità e l'attività sportiva che va sempre fatta. 

LATTE MATERNO: Il latte materno nei primi giorni di vita è fondamentale per la costituzione del microbiota e la formazione delle difese immunitarie del neonato. Una sorta di scudo che protegge il neonato fornendogli dei batteri 'amici' secondo i ricercatori dell'Ospedale Pediatrico Bambino Gesù, pubblicato sulla rivista Frontiers in Microbiology del gruppo Nature. Circa un chilo e mezzo del nostro peso, spiegano i ricercatori, è dovuto ai microrganismi. Questa popolazione di batteri svolge infatti la funzione di 'centrale biochimica' dell'intestino, dove trasforma il cibo ingerito, produce energia, regola l'equilibrio delle popolazioni microbiche che fungono da barriera contro gli agenti patogeni. 
caricamento in corso...
caricamento in corso...