No allo sfratto del regista malato. Anche gli attori "prendono i forconi"

11 dicembre 2013 ore 17:16, intelligo
A sostegno del regista, malato, Giuseppe Ferrara l'associazione Apollo 11 e l'Anac, come tanti amici e colleghi. E' partito un nuovo appello dopo la lettera inviata dall'Anac (Associazione nazionale autori cinematografici) nel maggio scorso al premier Letta ma caduto inascoltato. Anche tanti attori famosi hanno chiesto che sia applicata per lui con la concessione del vitalizio previsto dalla legge Bacchelli di cui il regista ha fatto personalmente richiesta. "Egregio presidente, egregio sindaco, domani Giuseppe Ferrara, regista, saggista, docente che molto ha dato alla vita culturale e sociale del nostro Paese, rimarrà senza casa per effetto dell'esecuzione dello sfratto per morosità". E' l'incipit della lettera aperta al premier e al sindaco di Roma, Ignazio Marino (per l'assegnazione di un alloggio confiscato alla mafia), che porta le firme, tra gli altri, di Ettore Scola, Luciana Castellina, Ugo Gregoretti, Citto Maselli, Cecilia Mangini, Sergio Rubini, Michele Placido, Giuliana De Sio, Anna Galiena, Gianluigi Rondi, Gianmarco Tognazzi, Bruno Torri. Adalberto Maria Merli, Romano Milani, Mauro Berardi, Enzo Monteleone e Nicolò Paoletti.    
autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...