Istat, +247mila occupati (meglio se con laurea)

11 dicembre 2015 ore 21:45, Adriano Scianca
Istat, +247mila occupati (meglio se con laurea)
Lentamente, ma si migliora. I dati Istat sull'occupazione dicono che nel terzo trimestre dell'anno l’occupazione sale di 247 mila unità nel confronto con il trimestre dell'anno precedente. Di conseguenza cala anche il tasso di disoccupazione che secondo l'Istituto di statistica scende "in misura significativa", passando dal 12,3% all’11,7% rispetto al trimestre precedente e diminuendo ulteriormente all’11,5% nel mese di ottobre. Tra luglio e settembre l'occupazione aumenta essenzialmente nei comparti dei servizi privati più legati alla dinamica della domanda interna. A determinare l'aumento sono infatti "esclusivamente i lavoratori dipendenti a termine", le regioni del Centro e del Mezzogiorno, e soprattutto i giovani 15-34enni. I dati congiunturali che certificano una crescita complessiva di 42mila occupati, lo 0,2% in più rispetto al trimestre precedente, certificano un aumento del 4,5% (107mila unità) dei lavoratori a termine ed un calo dello 0,4% di quelli a tempo indeterminato. Il rapporto conferma inoltre che un elevato titolo di studio è ancora un vantaggio nel mercato del lavoro: il tasso di occupazione cresce di più fra i laureati, attestandosi al 75,7% (+0,8 punti sul terzo trimestre 2014) rispetto al 63,2% di quello dei diplomati e al 43,5% del tasso riferito a chi ha al più la licenza media (+0,7 e +0,5 punti, rispettivamente). La riduzione del tasso di disoccupazione è invece diffusa rispetto ai diversi livelli di istruzione, mentre il tasso di inattività cresce solo tra quanti possiedono fino alla licenza media.
caricamento in corso...
caricamento in corso...