Cosolini e il "Pd rosso": 400 euro a profugo ospitato a Trieste. Ed è bufera

11 novembre 2015 ore 14:57, Americo Mascarucci
Cosolini e il 'Pd rosso': 400 euro a profugo ospitato a Trieste. Ed è bufera
Quattrocento euro al mese a chi adotta un rifugiato. A Trieste il sindaco del Pd Roberto Cosolini ha trovato un modo davvero originale per sfruttare i fondi ministeriali concessi ai comuni per favorire l’accoglienza degli immigrati e dare una casa agli stranieri. 

Originale, ma fino ad un certo punto se è vero che iniziative analoghe sono state già tentate in altre città italiane.

Una proposta che naturalmente ha fatto gridare allo scandalo il centrodestra e la Lega Nord che hanno evidenziato come, ancora una volta, ci si preoccupi dei profughi lasciando pressoché in indigenza i disoccupati italiani che hanno perso il lavoro e non sanno come arrivare a fine mese, che hanno perso la casa e dormono dentro le macchine. 

Il sindaco del Pd però ha messo in conto probabilmente anche le polemiche chiarendo subito che la proposta riguarderà i richiedenti asilo e non gli irregolari.

La proposta è valida per un massimo di sei mesi e di due richiedenti asilo a famiglia”: ha specificato Cosolini che ha ricordato come Trieste sia da sempre una città solidale, accogliente ed ospitale.  

Il sindaco di Trieste sta seguendo le orme di altri illustri colleghi ad iniziare da quello di Torino Piero Fassino che ha stanziato, negli ultimi anni, 90 mila euro di fondi ministeriali ogni dodici mesi per venti famiglie in grado di ospitare altrettanti migranti. Iniziativa che ha fatto scuola e che poi è stata anche copiata dal sindaco di Parma, il grillino Federico Pizzarotti.

A Trieste in primavera si voterà e il centrodestra che si presenta in città alleato con la Lega Nord è sul piede di guerra. 
Il capogruppo del Carroccio alla Camera, il triestino  Massimiliano Fedriga attacca il ministro Alfano, la governatrice del Friuli Debora Serracchiani e il sindaco Cosolini parlando di "iniziativa folle, quella di regalare 400 euro al mese a chi adotta un rifugiato mentre tanti italiani muoiono di fame e sono senza una casa". Per Fredriga "è necessario prendere tutti questi signori a calci nel sedere e cacciarli".

E la Santanchè a IntelligoNews tuona: "Comprano la disperazione. Adottare i pensionati!"

La campagna elettorale è soltanto agli inizi.

caricamento in corso...
caricamento in corso...