Addio Casaleggio, per Cacciari: "E' stato il più moderno di tutti, ma la politica in rete ha dei limiti"

12 aprile 2016 ore 13:29, intelligo
“Casaleggio è stato il più “moderno” di tutti ma la politica dell’era della Rete si è dimostrata incapace di affrontare le sfide della società contemporanea”. Così il filosofo Massimo Cacciari mette a fuoco per IntelligoNews il contributo dato dall’esperienza informatica prestata alla politica di Roberto Casaleggio, cofondatore del Movimento 5 Stelle. 

Prof. Cacciari ha particolari ricordi legati alla figura di Casaleggio? 

Addio Casaleggio, per Cacciari: 'E' stato il più moderno di tutti, ma la politica in rete ha dei limiti'
“Non l’ho mai conosciuto personalmente e non so molto di lui nemmeno per quanto riguarda la sua attività politica”.
 
Fatto sta, però, che è ritenuto da tutti come l’ideologo del movimento Cinque stelle. Ora i grillini sapranno camminare sulle loro gambe?
“Sì, credo di sì, tanto più nella misura in cui gli altri partiti resteranno senza proposte e leadership valide che siano in grado di recuperare i voti raccolti dal Movimento 5 Stelle”. 

Quindi questa perdita non influirà alle prossime amministrative. Il M5S ha davanti se delle praterie aperte dagli altri partiti?

“Praterie…adesso non esageriamo, a parte a Roma, dove i danni dei sindaci precedenti mettono il vento in poppa alla Raggi, non mi sembra che nelle altre grandi città i candidati grillini siano favoriti. Il partito di Grillo resta un grande movimento di opinione nazionale poco radicato sul territorio”.

Un movimento fluido, non incasellabile nelle categorie della Destra e della Sinistra, questa è stata una delle ragioni del successo ma anche un limite. Ma chi ha influito di più nell’affermazione del M5S, Grillo o Casaleggio?

“Sicuramente Grillo. Casaleggio ha avuto l’idea dell’attivismo su internet, ma senza la leadership carismatica di Grillo che riempiva le piazze credo proprio che il Movimento avrebbe raccolto ben altre percentuali alle elezioni. Insomma la chiave del successo tra le grandi masse è stato Grillo non Casaleggio”.

Però possiamo dire che Casaleggio è un’icona della politica dei nostri tempi. Dell’attivismo 2.0 fatto sulla rete e sui social…

“Si, d’altra parte lo stesso premier Renzi ad oggi preferisce comunicare con un twitt piuttosto che con un post su Facebook. Riguardo a questo modo di fare politica sicuramente Casaleggio ha detto la sua, ma ritengo che sia tutta una ‘moda’ e Casaleggio da questo punto di vista può essere considerato il più ‘moderno’ di tutti. Tuttavia non credo che la politica fatta sui social network sia in grado di risolvere le grandi crisi della nostra società come ad esempio il terrorismo internazionale legato all’Isis. Questa nuova politica si è dimostrata incapace di dare risposte convincenti alle sfide cruciali che devono affrontare le nuove generazioni”. 
 

autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...