Hearthstone, Blizzard lancia il viaggio nella preistoria con carta magica

12 aprile 2017 ore 15:17, Americo Mascarucci
Blizzard ha lanciato una nuova versione di Hearthstone, dal titolo "Viaggio a Un’ Goro". Si tratta della nona edizione del gioco ambientata tra dinosauri giganti, crateri e caverne ma con la possibilità di trovare una carta leggendaria chiamata "Missione". Il viaggio a Un’ Goro porta gli esploratori in un luogo primordiale abitato da fauna feroce e molto pericolosa. Il giocatore dovrà districarsi fra mille pericoli per poter superare i vari livelli e quindi giungere alla conclusione del viaggio. Ma andiamo a scoprire nei dettagli come si articolerà la nuova versione.
Hearthstone, Blizzard lancia il viaggio nella preistoria con carta magica

LE NOVITA'
Come riporta Multiplayer .com Viaggio a Un'Goro introduce due novità, la meccanica "Adatta" e le missioni. Quando si gioca una creatura con la "keyword adatta" vengono proposte casualmente tre abilità su 10 possibili, di cui se ne dovrà scegliere una da lanciare sulla creatura. Queste abilità sono +1+1, Veleno, Copertura per un turno, Scudo Divino, Furia del Vento, Provocazione, Non può essere bersaglio di magie o potere eroe, +3 Salute, +3 Attacco e Rantolo di Morte: Evoca due piante 1/1. 
L'altra novità introdotta è un nuovo tipo di carta leggendaria, la Missione: è una magia che costa 1 mana e che, se presente nel mazzo, viene sempre proposta nella scelta delle carte iniziali.
Le missioni sono nove, una per ogni classe e, sostanzialmente, guidano il giocatore verso la costruzione di un mazzo che ha come scopo principale il completamento della missione nel più breve tempo possibile visto che la ricompensa ha un impatto importante sull'esito finale della partita. Raggiungere il Nucleo è la missione del guerriero e per completarla si dovranno giocare 7 servitori con provocazione: la ricompensa è la Sulfuras, un'arma che costa 3 mana ed è 4/2, al suo ingresso in gioco sostituisce il vostro potere eroe con un altro che infligge 8 danni ad un bersaglio nemico casuale (in sostanza vi dona l'abilità del suo padrone Ragnaros che se n'è andato in formato selvaggio). Compiere il Sacrificio è la missione dello stregone e impone di costruire un mazzo "scarta carte" visto che il suo completamento richiede di scartarne 6: la ricompensa è il Portale Fatuo, una magia che costa 5, rimane permanentemente a terra prendendo uno spazio dei 7 disponibili ai servitori ed evoca due demonietti 3/2 alla fine di ogni turno. Lo sciamano che vuole completare Radunare i Murloc dovrà comporre un mazzo pieno di questi simpatici anfibi dal verso inconfondibile, ce ne vogliono ben 10 e la ricompensa è Megapinna, un Murloc 8/8 a costo 5 che riempie la vostra mano di Murloc casuali quando viene evocato. Il druido ha invece bisogno di evocare 5 servitori con almeno 5 in attacco per completare Richiamare i Giganti, una missione la cui ricompensa è Barnabus, una bestia 8/8 a costo 5 che al suo ingresso in gioco riduce a zero il costo di tutti i servitori del vostro mazzo".

L'EVOLUZIONE
Hearthstone: Heroes of Warcraft è un gioco di carte collezionabili digitale sviluppato da Blizzard Entertainment, facente parte della serie di Warcraft. Annunciato per la prima volta nel marzo 2013, il gioco è entrato in fase di beta test chiusa nell'agosto 2013, per poi passare alla beta aperta, in gennaio. È stato infine distribuito ufficialmente l'11 marzo 2014. Hearthstone è attualmente disponibile per i sistemi operativi Microsoft Windows, macOS, iOS e Android.
Il nome deriva da un iconico oggetto presente in World of Warcraft, la Pietra del ritorno (appunto Hearthstone in inglese, traducibile letteralmente con Pietra del focolare), che, quando usata, fa tornare il proprio personaggio alla taverna associata alla pietra.
Una partita si svolge tra due giocatori e i loro rispettivi mazzi. È possibile trovare un avversario tramite il servizio di ricerca di Battle.net oppure sfidare direttamente un proprio amico presente nella propria lista di contatti.
Ogni giocatore è rappresentato da un eroe, il quale inizia la partita con 30 punti salute. Per vincere la partita è necessario portare a zero la salute dell'eroe avversario utilizzando le proprie carte. Quando una partita comincia, il sistema determina casualmente quale dei due giocatori inizierà per primo. Chi inizia per primo parte con 3 carte, mentre il secondo, per compensare lo svantaggio, parte con 4 carte più una carta speciale che fornisce un cristallo di mana aggiuntivo nel turno in cui è giocata. All'inizio di ogni proprio turno i giocatori pescano una carta dal proprio mazzo. Possono essere giocate solo le carte che si hanno in mano. Quando si ha già il numero massimo di carte in mano (10), se se ne pescano altre queste vengono mostrate ad entrambi i giocatori e distrutte.
Il ritmo delle partite è strutturato attorno alla risorsa principale di gioco: i cristalli di mana. Ogni carta ha un costo ad essa associato (da 0 a 10 mana o anche più sfruttando l'effetto di carte speciali) e può essere giocata solo se si è in possesso dei cristalli necessari. All'inizio del proprio turno i cristalli precedentemente usati vengono resi disponibili (quando vengono usati i cristalli non vengono persi, ma diventano semplicemente inattivi) e si ottiene un cristallo aggiuntivo; al primo turno i giocatori partono con un solo cristallo fino a raggiungere il massimo numero (10 cristalli) al decimo turno.

#Blizzard #Hearthstone #novità

caricamento in corso...
caricamento in corso...