Aspettativa di vita in calo negli Usa: allarme malattie e morti in culla

12 dicembre 2016 ore 17:14, Americo Mascarucci
L'aspettativa di vita degli americani è in calo. 
A sostenerlo il National center for health statistic 
L'ultimo calo si era registrato nel 1993, con il picchio della crisi per l'Aids, quello precedente nel 1980, dopo una massiccia diffusione di influenza. 
Le cause sarebbero da ricercare nell'aumento di otto delle dieci principali cause di morte: malattie cardiache (+0,9%), malattie croniche dell'apparato respiratorio (+2,7%), lesioni accidentali (6,7%), ictus (+35), diabete (+1,9%), malattie renali (+1,5%) e suicidio (+2,3%). 
L'incremento piu' alto è quello dell' Alzheimer (+15,7%), insieme a quello dei decessi dei bimbi con meno di un anno per lesioni non intenzionali, come soffocamento o strangolamento a letto

Aspettativa di vita in calo negli Usa: allarme malattie e morti in culla
Preoccupante anche l'aumento delle malattie cardiache, cresciute 'solo' dello 0,9% ma che rappresentano già la prima causa di morte. 
Buone notizie invece sul fronte del cancro dove si è registrata una flessione pari a -1,7%. 
Segno, secondo gli esperti, che il rapido sviluppo della ricerca, come pure le campagne di prevenzione, cominciano ad avere un impatto signifiocativo sull'opinione pubblica. 
L’Italia invece grazie alla dieta mediterranea, si posiziona al 3° posto al mondo, con una aspettativa di vita alla nascita pari a 84,84 anni medi, 83,8 anni per gli uomini e 85,82 anni medi per le donne. 
"Numeri su cui riflettere - commenta Giovanni D’Agata presidente dello Sportello dei Diritti - soprattutto alla luce di possibili trattati internazionali che potrebbero cercare di uniformare gli stili di vita su scala mondiale".
caricamento in corso...
caricamento in corso...