Accuse dell'Antitrust ad Enel e Acea: tutte le manovre anti-concorrenza

12 maggio 2017 ore 19:16, Americo Mascarucci
La scure dell'Antitrust si è abbattura stavolta sui gestori dei servizi energetici, in particolare su Enel, A2a e Acea accusati di aver abusato della loro posizione dominante per strappare clienti alla concorrenza prima che cada definitivamente il regime di maggior tutela. Ciò sarebbe avvenuto "attuando strategie finalizzate, anche nella prospettiva prevista dal ddl concorrenza di un definitivo superamento del servizio di maggior tutela a prezzi regolati (quindi calmierati), a spostare al mercato libero la propria base clienti servita in maggior tutela".
Accuse dell'Antitrust ad Enel e Acea: tutte le manovre anti-concorrenza

L'ACCUSA - Vediamo nei dettagli l'accusa mossa ad Enel, A2a e Acea. Le strategie degli operatori finiti nel mirino, secondo l'Autorità, "sarebbero caratterizzate da un possibile sfruttamento commerciale delle informazioni anagrafiche e di fatturazione dei clienti serviti in servizio di maggior tutela. Il tutto finalizzato ad alterare le dinamiche concorrenziali future relative alle completa liberalizzazione del mercato ai danni degli operatori di energia elettrica non integrati".
Ma che significa in sostanza "servizio di maggior tutela"? Il servizio di maggior tutela è il regime tariffario stabilito dall'Autorità per l'Energia Elettrica il Gas e il Sistema Idrico (AEEGSI).
Con la completa liberalizzazione del mercato dell'energia (2007), il consumatore può scegliere il fornitore di energia elettrica o di gas che preferisce; tuttavia egli può decidere di non scegliere un'offerta del mercato libero e continuare il rapporto di fornitura di energia elettrica o gas alle condizioni interamente regolate. La piena liberalizzazione dei prezzi energetici, con l’eliminazione del regime di “maggior tutela”, è prevista per il 2018.
Condotte quelle dei tre operatori che potrebbero essere abusive secondo il Garante perché si baserebbero su vantaggi competitivi non replicabili e nella disponibilità dei soli operatori coinvolti, soggetti integrati per disposizioni di legge

L'INDAGINE - L’indagine sarebbe partita da una denuncia della concorrente Green Network che, a quanto scrive l’Antitrust, accusa Enel di aver "posto in essere una massiccia campagna volta a riacquisire clienti passati al suddetto operatore attraverso la veicolazione di informazioni errate e di carattere denigratorio nei confronti del medesimo concorrente".

LA REPLICA DI ENEL - Enel con una nota si è difesa così: "L'indagine dell'Antitrust potrà accertare la piena correttezza e legittimità dei comportamenti oggetto di istruttoria. Enel ha prestato la consueta collaborazione alle attività ispettive, pone da sempre grande attenzione al rispetto del quadro regolamentare e della concorrenza nei mercati in cui opera ed è in prima linea nel contrastare pratiche e condotte illecite volte a colpire i clienti nei mercati della vendita al dettaglio di energia elettrica e gas". 

#antitrust #enel #acea #indagine

caricamento in corso...
caricamento in corso...