Miley Cyrus hackerata, tam tam di foto nuda in sauna e in bagno

13 aprile 2017 ore 17:02, intelligo
Miley Cyrus hackerata, tam tam di foto nuda in sauna e in bagno
Stavolta non si è spogliata volutamente nell'ambito di una delle sue tante performance trasgressive ma anche lei è rimasta vittima degli hacker. Così anche Miley Cyrus si è ritrovata scatti di nudo non autorizzati sui social. I suoi avvocati si sono già attivati per bloccare le immagini hot che riprenderebbero la stellina super sexy di "Hannah Montana" completamente nuda in bagno o nella sauna. Si tratta di immagini trafugate da pirati informatici dai profili personali dell'attrice o direttamente dai suoi telefoni. 
Come detto più volte e in varie occasioni è capitato di vedere la Cyrus completamente nuda nell'ambito di alcune esibizioni sexy, quindi tutto sommato queste immagini non dovrebbero poi suscitare grande scandalo. Ma trattandosi di un'attività illegale, una divulgazione di immagini private rubate e pubblicate senza il consenso dell'interessata è dunque partita la denuncia all'Autorità giudiziaria e la conseguente inchiesta. E' evidente che anche in questo caso si tratta di un hacker professionista,  riuscito ad entrare attraverso il suo smartphone ad un archivio di foto di Miley Cyrus in cui è nuda e in pose provocanti, diventate virali in brevissimo tempo. 
Miley entra così a far parte ufficialmente della lista già abbastanza nutrita, di vip "hackerate". 

I PRECEDENTI - Nel settembre del 2016, Diletta Leotta nota presentatrice e giornalista Sky si vede rubare dal proprio smartphone scatti osè da uno o più hacker.
La Leotta aveva salvato le foto sul Cloud, la memoria virtuale dell'iPhone. Sono bastati pochi minuti perché l'hashtag #Leotta diventasse un topic trend, ovvero uno dei contenuti più popolari nei social. E' probabile che i pirati informatici siano riusciti a decriptare le credenziali di accesso al servizio cloud storage Dropbox che già aveva mostrato delle criticità o in ogni modo delle vulnerabilità prima della vicenda che ha riguardato la giornalista. La stessa Leotta aveva prontamente denunciato questo episodio facendo così partire le indagini. Ed a proposito delle foto che sono circolate in rete, ha tenuto a specificare che soltanto cinque o sei le appartenevano.
Nel febbraio scorso è invece toccato a Emily Ratajkowski, modella inglese classe 1991, che si è vista prima sottrarre e poi pubblicare circa 200 foto osé. A dare l’allarme è stata Helen Wood, curatrice di una rubrica sulle celebrities per il Daily Star, che sostenne di essere stata contattata da un uomo su Twitter nel tentativo di venderle alcuni scatti privati della Ratajkowski. La Wood non ha pubblicato le foto e ha denunciato l’accaduto. Non è la prima volta che la 25enne regina dei social (oltre 10 milioni di follower su Instagram) è vittima di hackeraggio. Di recente il fotografo Jonathan Leder ha reso pubblici senza chiedere il suo consenso alcuni suoi scatti senza veli. 
Per Emily Ratajkowski si tratterebbe del secondo attacco hacker dopo quello subito nel 2014, quando centinaia di account di esponenti del mondo dello spettacolo (tra cui Jennifer Lawrence e Kate Upton) furono violati nell'ambito dello scandalo battezzato dalla stampa come 'Celebgate'.
Nelle scorse settimane è infine toccato ad Emma Watson. Gli hacker si sono impadroniti di alcune immagini private dell'attrice ma stavolta non si tratta né di fotografie di nudo né di scatti osé, ma di momenti in cui Watson è ritratta durante dei cambi d'abito. 
Miley Cyrus hackerata, tam tam di foto nuda in sauna e in bagno

#MileyCyrus #hacker #scattirubati
autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...