Ryanair per la Sardegna. Soru: "intervento pubblico imprescindibile"

13 gennaio 2016 ore 13:40, Americo Mascarucci
L’ex Presidente della Regione Sardegna Renato Soru interviene in merito al taglio di numerose rotte aeree da parte del vettore low cost Ryanair da e per la Sardegna, puntando il dito in particolare contro la precedente giunta regionale di centrodestra. Secondo l’europarlamentare Pd la situazione può ancora essere recuperata e nulla è davvero perduto.  "Le norme europee non impediscono alle Regioni di sostenere lo sviluppo del traffico aereo - sostiene - per questo bisogna elaborare presto una strategia per far ripartire il settore, senza aspettare la conclusione dell'indagine della Commissione, che speriamo comunque essere positiva". L’attuale situazione nasce dall’indagine avviata nel gennaio 2013 dalla Commissione Europea, riguardante gli aiuti elargiti nel periodo 2010/13 dalla Regione agli aeroporti sardi e da questi poi trasferiti a diversi vettori. Da lì, è così partito il blocco dei finanziamenti pubblici agli aeroporti ed il conseguente mancato rinnovo degli accordi con le compagnie aeree. "Occorre - aggiunge Soru - preparare il terreno per il rinnovo della Continuità territoriale per Roma e Milano (Ct1) che scadrà l'anno prossimo, prevedendo la tariffa scontata solo a favore dei sardi e un costo massimo (price cap) non eccessivamente elevato negli altri casi. In questo modo si risparmieranno 44 milioni di euro all'anno. Differentemente dal passato, si potrà prevedere anche la partecipazione di compagnie low cost qualora accettassero gli oneri di servizio pubblico". 

Ryanair per la Sardegna. Soru: 'intervento pubblico imprescindibile'
 Per Soru tutto ciò è colpa della pessima politica portata avanti in passato dalla giunta di centrodestra guidata da Ugo Cappellacci. "E' necessario evitare - aggiunge ancora -le mancanze procedurali, l'insipienza di chi, nel periodo 2010-2013, governava la Regione con comportamenti che hanno fatto scattare nel gennaio 2013 l'indagine della Commissione Europea sugli aiuti elargiti nel periodo 2010-2013 agli aeroporti sardi. Bisogna inoltre chiedere subito il rinnovo della Continuità territoriale per gli altri capoluoghi regionali quali Bologna, Napoli, Torino, Verona, Palermo (Ct2), investendo una parte dei 44 milioni risparmiati dalla Ct1. Infine dare sostegno agli aeroporti investendo la rimanente parte dei 44 milioni, oltre ai 30 milioni recentemente assegnati dal Governo, aiutarli a sottoscrivere accordi con le compagnie aeree low cost tali da garantire la permanenza sui nostri scali, l'apertura di nuove rotte e la crescita di quelle esistenti. Un intervento pubblico è ormai imprescindibile - conclude Soru - e sono certo che la Giunta Pigliaru lo porterà rapidamente avanti senza ripetere gli errori del passato".

Ugo Cappellaci ex Governatore del centrodestra non ci sta e ribatte: “In mezzo a tante mistificazioni, a Soru scappa anche una verità: il 'ce lo chiede l'Europa' di Pigliaru è una bufala, si può e si deve salvare il sistema dei voli low cost. Pigliaru - attacca Cappellacci - governa da due anni, non ha più alibi perché delle due, l'una: se ritiene legittima la legge 10, deve difenderla a Bruxelles, se invece la ritiene illegittima, ha avuto tutto il tempo per proporne una nuova e notificarla. Stare fermi è semplicemente una follia come è stata folle la scelta di questa Giunta di cancellare la Ct2, quella per le rotte minori (14% di passeggeri in meno solo a Cagliari). Per quanto riguarda la Ct1, quella varata da noi con la tariffa unica per Roma e Milano - ricorda Cappellacci - i risultati parlano da soli e testimoniano un aumento significativo dei passeggeri. Anche noi proponiamo di potenziarla, di aumentare lo sconto per i sardi, ma cancellare quello per i non residenti sarebbe un errore". Infine una stoccata a Soru: " Si meraviglia perché i costi vengono sostenuti dalla Sardegna? Fu lui a firmare l'accordo con Prodi che accollò le spese dallo Stato alla Regione. Prendiamo atto del suo ravvedimento tardivo".

Insomma la polemica politica scorre sulla rotta per Cagliari...
caricamento in corso...
caricamento in corso...