Allarme consumi, Sud sempre più lontano dal Nord. E l’inflazione…

13 giugno 2014 ore 13:37, intelligo
Si allarga la forbice tra il Nord e il Sud del Paese, accentuata dalla crisi: al Meridione serviranno 14 anni per tornare sui livelli del pil del 2007. Sia in termini di popolazione che di stock di capitale produttivo, il Sud vede ridursi il proprio ruolo in termini di contributo attuale e potenziale alla crescita del Paese. Senza un'inversione di questa tendenza sarà difficile per l'Italia intraprendere un sicuro percorso di ripresa a lungo termine. In sintesi dell’analisi condotta dall'Ufficio Studi Confcommercio sul divario tra Nord e Sud presentata oggi a Bari nel corso della due giorni dei Giovani Imprenditori di Confcommercio 'L'talia che verrà'. I numeri parlano chiaro: il Pil pro capite del Sud nel 2013 (17.224 euro) scende al 55,2% di quello del Nord-Ovest (32.102) e nel 2015 sarà inferiore al 55%. Cresce il divario dei consumi pro capite del Mezzogiorno rispetto a quelli del Nord-Ovest, peggiorando dal 70% del 1995 al 65% del 2013. E se al Nord-Ovest occorreranno meno di 10 anni per tornare ai consumi pro capite del 2007, nel Meridione bisognerà attendere oltre 14 anni. Dati allarmanti, per il Codacons che al governo chiede di “lavorare per ridare potere d'acquisto alle famiglie italiane e far ripartire i consumi con politiche ad hoc studiate per consentire una rapida ripresa del Mezzogiorno”.  
autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...