Non solo la crema per la disfunzione erettile: sesso e bufale o rimedi veri?

13 ottobre 2015, Americo Mascarucci
Non solo la crema per la disfunzione erettile: sesso e bufale o rimedi veri?
Sarebbe stata scoperta una crema che potrebbe aiutare gli uomini a superare l’impotenza, meglio conosciuta come disfunzione erettile. Circa 3,2 milioni di italiani ne soffrirebbero.
 
Il farmaco è stato presentato in occasione dell’ottantottesimo Congresso Nazionale della Società Italiana di Urologia (Siu) in corso a Riccione. 

Prodotto dalla Bracco ha già riscosso successo in Francia e Spagna; può essere acquistato in farmacia con prescrizione medica.

Il nuovo farmaco-crema, sviluppato negli Stati Uniti, si basa su una nuova tecnologia che permette l'assorbimento cutaneo del principio attivo, agisce localmente e non sono note interazioni negative con altri farmaci, alimenti e bevande alcoliche.

“La facilità d'utilizzo, con la semplice applicazione locale, in aggiunta all'efficacia clinica e alla sicurezza d'uso, rendono questo farmaco la prima linea di trattamento per i pazienti, circa il 13% della popolazione maschile, che soffrono di disfunzione erettile - afferma il segretario generale della Siu Vincenzo Mirone -. Sebbene possa presentarsi a qualsiasi età, la disfunzione erettile è più frequente negli uomini di età superiore ai 45-50 anni. Fra i 40 e i 50 anni interessa circa il 10% degli uomini e sale sino al 40% fra i 60 e i 70 anni, per interessare il 50% dei soggetti oltre i 70 anni". 

La crema, dopo un adeguato periodo di utilizzo, agisce rapidamente, tra 5 e 30 minuti dopo l'applicazione, e l'effetto permane per più di un'ora. Il farmaco a crema si presenta in confezione da quattro monodose ed è già acquistabile con la prescrizione medica nelle farmacie italiane. 

Tuttavia ogni volta che si parla di disfunzione erettile sorge spontaneo il dubbio di trovarsi di fronte a delle possibili bufale. 

Non sarà questo certamente il caso data la professionalità e la serietà dei sanitari del Siu però troppe volte si sono sentite ricette che sono sembrate più incredibili che autentiche. 

Così ad un certo punto c’è stato chi ha detto che per combattere l’impotenza non serviva il Viagra, ma bastava l’aglio, dotato di straordinarie capacità afrodisiache. Poi dall’aglio si è passati al ginseng che secondo uno studio coreano possedeva proprietà capaci di risvegliare l’istinto sessuale. Fra rimedi naturali, meccanici, omeopatici è tutto un fiorire di ricette. Persino il caffè è entrato a far parte del pantheon delle bevande capaci di combattere l’impotenza così come il cocomero. Poi c’è chi si è messo addirittura alla ricerca del ragno vagante brasiliano. E l'ultima è la bufala sul fungo dell'amore che al solo odore è capace di provocare un orgasmo femminile.  

“Rimedi che talvolta possono avere un vago razionale scientifico ma che sono proposti come “magici” e spesso venduti a caro prezzo su internet, confezionati in prodotti di cui è difficile rintracciare il reale contenuto – ebbe a denunciare il prof. Furio Pirozzi Farina, presidente della Società Italiana di Andrologia (SIA) -. Gli effetti non solo sono deludenti, ma spesso dannosi. Oggi sono invece disponibili valide e sicure soluzioni farmacologiche, in grado di rispondere anche al bisogno di praticità e discrezione, come accade per il nuovo vardenafil orodispersibile, il più recente medicinale per la cura dei disturbi erettili. La riservatezza è un aspetto da non sottovalutare perché è proprio l’imbarazzo di rivolgersi allo specialista che spinge il maschio a cercare rimedi “alternativi” come pozioni, filtri e discipline meditative". 

Insomma fra rimedi scientifici accreditati e bufale mastodontiche create quasi ad arte per aumentare il consumo di prodotti particolari, è davvero difficile barcamenarsi in un ambito reso già difficile dal senso del pudore che l’individuo mostra di possedere nei confronti di questa disfunzione. E anche la vergogna di dichiararsi impotente come denunciato dagli specialisti è proprio il miglior terreno per l’affermazione delle temutissime bufale. 


caricamento in corso...
caricamento in corso...