Rifugiati, Merkel ridurrà il flusso. Strategia politica per non spaccare la Cdu?

14 dicembre 2015 ore 23:58, Americo Mascarucci
Rifugiati, Merkel ridurrà il flusso. Strategia politica per non spaccare la Cdu?
La cancelliera tedesca Angela Merkel è "sotto processo" all'interno del suo partito, la Cdu tedesca, che sta celebrando il congresso nazionale.
Sotto accusa c'è soprattutto la politica delle porte aperte verso gli immigrati, con l'ala più oltranzista del partito che chiede misure più rigorose volte a contrastare il rischio terrorismo con l'introduzione di un tetto massimo di rifugiati da accogliere.
Le accuse all'indirizzo della Cancelliera non sono mancate e hanno in parte costretto la Merkel a ricercare un compromesso, capace da un lato di ricompattare il partito e dall'altro di non disperdere gli importanti riconoscimenti che le sono giunti in ambito internazionale proprio per la sua politica dell'accoglienza. La Merkel è contraria all'introduzione del tetto massimo di rifugiati ma di fronte all'ala dura del suo partito alla fine ha dovuto comunque annunciare l'intenzione di ridurre l'afflusso di immigrati attraverso l'introduzione delle misure più efficaci.

Alla fine la Cancelliera ha vinto ancora perché la sua proposta di compromesso, ossia l'impegno a ridurre i flussi migratori senza fissare alcun tetto, tradotta in mozione ha ottenuto una larghissima maggioranza di delegati. 
Va poi detto che la Merkel può contare adesso su una fisiologica riduzione dei flussi migratori anche grazie a controlli più massicci da parte delle autorità turche e già nelle ultime settimane il calo si è visto. Inoltre al di là delle critiche interne la Cancelliera secondo gli ultimi sondaggi continuerebbe a mantenere un consenso discreto nell'elettorato e anche la Cdu sarebbe data in ripresa contrariamente dalle accuse dell'ala più conservatrice che invece attribuiva proprio alle politiche del Governo sull'immigrazione un calo di popolarità. 
Comunque la si pensi tuttavia ciò significa che la Germania dovrà rivedere la strategia dell'accoglienza finora adottata. Una strategia che, pur essendo comunque ritagliata su misura sugli interessi della Germania ha provocato forti malumori nella coalizione di governo e soprattutto nella Cdu che in qualche modo è riuscita a correggere, se non proprio a cambiare, la rotta finora intrapresa.  
caricamento in corso...
caricamento in corso...