"Sono un medico", ma aiuta il marito poliziotto morto nell'incidente

14 febbraio 2017 ore 16:03, Americo Mascarucci
Alle volte davvero il destino può giocare brutti scherzi o come in questo caso scherzi davvero di cattivo gusto. La storia arriva da Pontelongo e ha avuto per protagonista la moglie di Filippo Mabea il poliziotto morto oeri con l'auto nel fiume. L'uomo, un poliziotto della Scientifica, stava viaggiando a bordo della propria vettura quando, a un certo punto, l'auto sarebbe uscita di strada finendo la corsa dentro il fiume Bacchiglione. L'uomo è rimasto incastrato all'interno del mezzo, probabilmente morendo annegato. 
La moglie che è un medico si è infatti trovata a passare lungo la strada in cui poco prima si era consumato l'incidente stradale. 
'Sono un medico', ma aiuta il marito poliziotto morto nell'incidente

Alla vista dell'ambulanza e di fronte alla possibilità che potessero esserci dei feriti bisognosi di essere soccorsi, la donna si è fermata e ha chiesto se per caso servisse aiuto.
Poi all'improvviso la vista dell'Opel Corsa bianca recuperata dal fiume e la drammatica scoperta. La donna ha inoltre ricordato che quel tratto stradale il marito lo percorreva ogni giorno per recarsi in Questura. 
"Avevo un marito meraviglioso - ha detto la donna al Messaggero - Quello che è accaduto è assurdo. Filippo amava la vita e faceva della solidarietà e l'amore per il prossimo un suo stile di vita. Quando parlava dei piccoli malati di tumore, che non ha mai smesso di aiutare attraverso Città della Speranza, ripeteva che ogni bambino ha il diritto di diventare adulto. E il suo ultimo gesto d'amore è stato quello di donare le cornee, con la speranza che qualcuno attraverso i suoi occhi possa tornare a vedere".
#medico #maritomorto #soccorso

caricamento in corso...
caricamento in corso...